Inchiesta su ceneri rifiuti e tumori, arrivano i primi controlli - Tuttoggi

Inchiesta su ceneri rifiuti e tumori, arrivano i primi controlli

Sara Minciaroni

Inchiesta su ceneri rifiuti e tumori, arrivano i primi controlli

M5S "30 anni di silenzi e omertà". Acquisite mappe e documenti
Ven, 01/04/2016 - 02:16

Condividi su:


Valnestore, arrivano i controlli dell’Arpa. Meno di due giorni dalla pubblicazione dell’inchiesta su queste colonne relativa alla gestione dei rifiuti e delle ceneri di risulta della combustione della vecchia centrale Enel di Pietrafitta e a Piegaro si è presentata l’Agenzia regionale dell’ambiente. Una prima ricognizione conoscitiva, l’acquisizione di piante e documenti e poi hanno chiesto di essere accompagnati sul territorio per chiedere che gli venissero mostrati quei punti che noi avevamo già fotografato settimane prima della pubblicazione del primo servizio.
Punti dove la terra si apre “vomitando” un impasto nero di ceneri e plastica e detriti e tracce di rifiuti solidi urbani. Testimoni ci hanno raccontato che sotto quelle montagne di cenere che sono state stipate qui per i circa 20 anni e passa di attività della centrale, venne scaricata anche immondizia. Quella dei Comuni, ci viene detto. E mentre negli uffici ancora si scava per cercare tracce di quelle presunte attività, forse presto si tornerà a scavare in valle per tracciare il quadro definito di quanto viene restituito dai racconti che il tempo aveva sepolto. Coperti di cenere è il caso di dirlo.
inchiesta ceneri e rifiuti_1315
 Ieri una nota è stata diffusa dal Comune di Città della Pieve, anch’esso interessato, anche se in misura decisamente ridotta rispetto a Piegaro e Panicale e Fabro dall’interramento delle ceneri. Nel caso specifico però non si tratta di quelle provenienti dalla centrale di Pietrafitta, ma di quelle che più in là nel tempo, 1985 in particolare, arrivarono dalla centrale Enel di La Spezia (sul perchè cercheremo di fare il punto nei prossimi giorni). Riportiamo il testo integralmente:
“Per quanto attiene la questione dell’utilizzo di ceneri come rilevato nel territorio di Città della Pieve si specifica che a seguito delle prime notizie apparse sulla stampa nei mesi scorsi e relative alle preoccupazioni dell’opinione pubblica, il Comune di Città della Pieve già a Gennaio ha richiesto all’Arpa l’esecuzione di specifici controlli. In esito a quella istanza l’Arpa ha chiesto all’amministrazione di fornire elementi utili all’attività di indagine ambientale, il Comune quindi ha inviato già da un mese tutta la documentazione relativa all’unico sito ove sono state utilizzate, esclusivamente per la realizzazione del sottofondo, del campo sportivo di Ponticelli. In allegato agli atti la stessa autorizzazione comunale espressa  a suo tempo su parere favorevole dalla competente Usl. “Si auspica che tutti gli elementi forniti possano rapidamente contribuire a fare piena luce su un argomento che desta preoccupazione nella popolazione non solo di Città della Pieve ma dell’area del Trasimeno – spiega il sindaco Fausto Scricciolo – Ci auguriamo che l’esito delle valutazioni sia il più celere possibile e nell’attesa vanno evitati allarmismi e strumentalizzazioni politiche su temi cari come quelli della salute e dell’ambiente”. 
E dopo le reazioni immediate e trasversali del mondo della politica regionale ieri è arrivata la nota dei pentastellati. Un grido di guerra e una rivendicazione di primogenitura della preoccupazione di Andrea Liberati, Valerio Spanu, Stelvio Olivi dell’ M5S Regione Umbria, Comune di Panicale e Piegaro
Dopo il caso delle milioni di tonnellate di ceneri riversate alla fine degli anni ’80 su Fabro, denunciate nell’autunno scorso dall’intero M5S anche in Parlamento, è bene sapere che gli stessi portavoce M5S regionali e locali, unitamente agli attivisti di Piegaro e Panicale, avevano già aperto il filone della Valnestore, dopo 30 anni di silenzi, di omertà. Di paura. Una catena indegna che sarà spezzata…E’ doveroso parlare degli esiti infausti di tanto reiterato disprezzo delle regole: centinaia di morti e un territorio sfigurato, devastante scenario che rispunta oggi grazie alla testimonianza coraggiosa di chi “ha visto” e rifiuta l’omertà di chi mette la testa sotto la sabbia – o le ceneri. Siamo dunque dinanzi all’ennesima terra dei fuochi umbra, con il Movimento 5 Stelle anche qui in prima linea. Si accertino ora le responsabilità: da dove provenivano i rifiuti sotterrati a Pietrafitta e nel circondario? Chi ha concesso le autorizzazioni – qualora vi siano state? Chi doveva monitorare sullo stato di crescente inquinamento, testimoniato visibilmente anche dalle acque nerissime dei laghetti adiacenti alla centrale, e sulle condotte assunte? Quali attività hanno condotto i sindaci del posto, assessori regionali e rappresentanti eletti, rispetto a quanto certamente si mormorava non solo in loco?

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!