In Umbria nel 2017 mille sfratti per morosità involontaria

In Umbria nel 2017 mille sfratti per morosità involontaria

I dati al Congresso Sunia: i nuovi eletti

share

Sono stati oltre mille gli sfratti per morosità involontaria intimati in Umbria nel corso del 2017. Per l’esattezza 1063, di cui 389 in provincia di Terni e 674 in quella di Perugia. Il tema è stato al centro della discussione congressuale del Sunia, il sindacato degli inquilini e degli assegnatari della Cgil, che ha riunito a Perugia l’assise provinciale e quella regionale.

Con la ritirata progressiva dello Stato dalla produzione di edilizia sociale e dalla stessa conservazione e manutenzione del patrimonio esistente – sottolinea il Sunia – si riduce la possibilità di abitazione a canone sostenibile. È sempre più difficile accedere alle abitazioni, soprattutto per le generazioni del lavoro precario e per gli anziani”. Proprio per questi ultimi, però, il Sunia umbro ha portato a casa un “risultato importante”, vincendo la “battaglia” sul calcolo dei canoni di affitto Ater. “Grazie al nostro impegno – spiegano dal sindacato degli inquilini della Cgil – è stata infatti sospesa la proposta della Regione che rischiava di penalizzare fortemente le persone sole (quasi sempre anziani) e si sta valutando un accoglimento, almeno parziale, della nostra proposta alternativa”.
Il Congresso ha poi eletto i nuovi direttivi, indicato i delegati per l’assise nazionale e rieletto alla guida del Sunia provinciale di Perugia e di quello regionale dell’Umbria i segretari generali Cristina Piastrelli e Rossano Iannoni (la scorsa settimana Romolo Bartolucci era stato confermato alla guida del Sunia Terni).

share

Commenti

Stampa