Imprenditore di Foligno rapito durante "stangata" / Le condanne - Tuttoggi

Imprenditore di Foligno rapito durante “stangata” / Le condanne

Redazione

Imprenditore di Foligno rapito durante “stangata” / Le condanne

Condanne a sette anni e cinque anni per quattro componenti della "batteria" arrivata da Roma
Gio, 12/02/2015 - 12:15

Condividi su:


Sono arrivate le condanne per una vicenda che fece parlare e non poco tutto il folignate e che portò al rapimento di un imprenditore locale. Sette anni e sei mesi di carcere per due imputati e altri due a 5 anni per i quattro che secondo la procura organizzarono il sequestro, con loro altre due persone che però hanno scelto di essere giudicate con il rito ordinario. La decisione del Gup Luca Semeraro è arrivata ieri dopo 4 ore di camera di consiglio, riducendo le richieste del pm Manuali.

IL GIORNO DEGLI ARRESTI

Il profumo dei soldi facili lo aveva fatto finire in un incubo durato 48 ore: così la “stangata” in salsa umbra era diventata un sequestro di persona. Un imprenditore del folignate viene avvicinato da persone che si dichiarano appartenenti alla malavita calabrese e che gli propongono un affare: scambiare 100 mila euro di denaro “sporco” (proveniente da droga, prostituzione e altri affari illeciti) con 50 mila euro “puliti”. All’imprenditore l’affare sembra facile e contatta Christian Martucci, suo conoscente romano di vecchia data, il quale a sua volta si rivolge ad Alberto Marchetti (con precedenti per bancarotta fraudolenta). Lo scopo per la “batteria” romana che si va a costituire è quello di racimolare i 50 mila euro per lo scambio e in poche ore mettersi in tasca molto denaro da riciclare facilmente nelle attività commerciali di “finanziatori”. Questo è quanto viene spiegato alla conferenza stampa, in seguito agli arresti, tenuta dal comandante provinciale dei carabinieri di Perugia Angelo Cuneo.

Il “pacco” nell’area di sosta. Così il 31 maggio scorso nell’area di sosta tra Ospedalicchio e Collestrada avviene lo scambio dei borsoni. Due auto si incontrano nel parcheggio, i passeggeri si scambiano i rispettivi carichi e si allontanano ognuno per la sua strada. In pochi minuti però la banda romana, che dovrebbe aver appena ritirato 100 mila euro da “ripulire” trova nel borsone solo carta straccia e si rende conto di essere stata truffata. Chiaro che l’affare è talmente sporco che la soluzione non può essere quella di rivolgersi alle forze dell’ordine e così scatta un piano “b”.

Il rapimento. La banda romana, così come ricostruito dai militari coordinati dalla procura distrettuale antimafia, appena beffata, chiede un incontro all’imprenditore folignate che aveva fatto da intermediario alla rotatoria di Rivotorto di Assisi. La notte dell’1 giugno lo caricano in macchina e si dirigono verso Roma. E’ un rapimento a tutti gli effetti. Lo chiudono in un garage nelle disponibilità di Renato Vettoretto, una vecchia conoscenza delle vicende giudiziarie dell’Umbria ( lo stesso – come spiegato dagli inquirenti – rientrato nell’inchiesta per la presunta corruzione di un giudice del Tar Lazio, lo stesso giudice che per gli inquirenti di quella inchiesta avrebbe dovuto “addomesticare” anche una sentenza in favore dell’ex cda della Bps), e titolare di un Club Privè per scambisti di Fiano Romano. Nella stanza l’imprenditore passa 48 ore nelle quali viene anche malmenato. Lo scopo è chiaro, l’organizzazione rivuole i suoi 50 mila euro, poi la richiesta cala, se vuole tornare libero l’imprenditore deve trovare 10 mila euro (la stessa somma che la vittima avrebbe guadagnato facendo da intermediario). L’uomo inizia a chiamare amici, parenti e conoscenti. Alla fine è suo fratello da Foligno che trova una piccola somma, anche perchè sono i giorni del ponte e le banche sono chiuse. Racimola 2400 euro e si accorda con la banda per far rilasciare il fratello. Il patto è che la seconda parte del denaro venga consegnata in seguito e che questo è solo un “acconto”.

Lo scambio. E’ il 2 giugno quando la banda da Roma sale di nuovo verso Perugia. Sempre secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, lo scambio avviene sempre nello stesso tratto tra Collestrada e Foligno. L’uomo viene rilasciato. Nel frattempo però il fratello aveva avvertito i carabinieri di Foligno, coordinati dal comandante Mattei, di quanto stava accadendo. Così per strada, con in tasca ancora i soldi del riscatto, bloccano proprio Marchetti e Martucci. A seguito dell’arresto dei due soggetti, e sulla scorta delle dichiarazioni rese dalla vittima, i Carabinieri del ROS e del locale Comando Provinciale, sotto la direzione della Procura Distrettuale Antimafia di Perugia, avviavano le indagini per il reato di sequestro di persona a scopo di estorsione. Gli arrestati sono il proprietario del club per scambisti, un sottufficiale in pensione, un commercialista e piccoli imprenditori del settore immobiliare.

[Articolo anonimizzato in data 4 dicembre 2020, su espressa richiesta, in virtù del diritto all’oblio]

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!