Gemellaggio Spoleto-Schwetzingen, sindaco Cardarelli “legame forte tra due splendide città” / Ft - Tuttoggi

Gemellaggio Spoleto-Schwetzingen, sindaco Cardarelli “legame forte tra due splendide città” / Ft

Redazione

Gemellaggio Spoleto-Schwetzingen, sindaco Cardarelli “legame forte tra due splendide città” / Ft

Anche una strada intitolata a Spoleto / Successo per mostra artisti scelti da Marziani
Dom, 03/05/2015 - 23:57

Condividi su:


Gemellaggio Spoleto-Schwetzingen, sindaco Cardarelli “legame forte tra due splendide città” / Ft

“E’ un legame forte, solido e lo sarà sempre di più tra queste due splendide città”. Così il sindaco Fabrizio Cardarelli, ha commentato la sua prima visita ufficiale a Schwetzingen, la città tedesca gemellata da 10 anni con Spoleto, al telefono con Tuttoggi.info.

“Abbiamo ricevuto una accoglienza fantastica che non vediamo l’ora di ricambiare con le autorità di Schwetzingen – ha proseguito Cardarelli -; l’occasione è stata proficua per rinsaldare i rapporti tra le nostre città ma anche per avviare nuove forme di collaborazione”.

 La delegazione, guidata dal primo cittadino e dal presidente del consiglio comunale Giampiero Panfili, continua il fitto calendario di appuntamenti previsto dall’agenda istituzionale. Dopo l’inaugurazione di ieri dello Spagerlfest, il seguitissimo Festival dell’asparago (praticamente omologo della Sagra di Eggi) dove è presente anche un mercatino di prodotti tipici spoletini, le autorità della città del festival hanno preso parte alla intitolazione della Spoletostraße, via di Schwetzingen intitolata appunto alla città umbra. Subito dopo c’è stata la visita al castello di Heidelberg e un momento conviviale organizzato in collaborazione con l’Istituto alberghiero di Spoleto.

Oggi, domenica 3 maggio, si è tenuta l’inaugurazione della mostra “Spoleto 2015 – Nuove generazioni” allo Xylon Museum dove sono ospitate le opere di 20 giovani artisti del comprensorio spoletino selezioni dal direttore artistico di Palazzo Collicola, Gianluca Marziani, e dal maestro Franco Troiani dello Studio A ’87. Si tratta delle opere (guarda la photogallery) di Chiara Armellini, Cosimo Brunetti, Edvige Cecconi Meloni, Andrea Chiampo, Cecilia Divizia, Pietro Elisei, Marcella Fabbri, Tommaso Faraci, Cristina Gasparrini, Beatrice Passeggio, Francesco Marcolini, Miriam Montani, Leonardo Moro/Lorenzo Robusti, Ob Queberry, Ilaria Proietti, Giacomo Ramaccini, Paolo Romani, Michele Santi, Alessandro Tinelli. Il successo della prima giornata, con centinaia di visitatori, fa ben sperare per questa mostra che chiuderà i battenti il prossimo 31 maggio.

© Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento