Furto sventato a Magione: due ladri fuggono a piedi, quello in macchina preso dai carabinieri, denunciato e rimesso in libertà - Tuttoggi

Furto sventato a Magione: due ladri fuggono a piedi, quello in macchina preso dai carabinieri, denunciato e rimesso in libertà

Redazione

Furto sventato a Magione: due ladri fuggono a piedi, quello in macchina preso dai carabinieri, denunciato e rimesso in libertà

L'albanese, a bordo di una Mercedes, è stato fermato fermato a Tuoro
Sab, 11/01/2020 - 16:45

Condividi su:


Furto sventato a Magione: due ladri fuggono a piedi, quello in macchina preso dai carabinieri, denunciato e rimesso in libertà

Colpo sventato e ladro acciuffato dai carabinieri, questa volta, grazie alla collaborazione dei residenti. I militari dell’aliquota radiomobile della Compagnia Città della Pieve hanno deferito in stato di libertà all’autorità giudiziaria, con l’accusa di tentato furto, un 33enne di nazionalità albanese, residente ad Assisi.

Venerdì sera l’albanese è stato individuato da alcuni residenti di Magione mentre con la sua Mercedes C220 si aggirava nei pressi di un’abitazione dove poco prima due persone avevano tentato un furto. I ladri erano stati messi in fuga dall’allarme perimetrale.

I proprietari hanno inseguito i due ladri che hanno cercato di raggiungere il complice che li attendeva a bordo della Mercedes. L’albanese alla guida, però, vedendo che gli altri due erano inseguiti, si è dato alla fuga con l’auto senza attenderli. I due a piedi sono riusciti a fuggire, attraverso i campi, ma la Mercedes, che nel frattempo i testimoni avevano segnalato ai carabinieri, è stata rintracciata nel territorio comunale di Tuoro.

Lo straniero, fermato dai carabinieri, è stato trovato in possesso di una chiave tipo “pappagallo” di 24 cm e di una torcia elettrica. Nelle vicinanze del luogo del tentato furto, invece, sono stati rinvenuti alcuni arnesi da scasso, un cappellino nero e guanti di gomma.

L’albanese è stato portato negli uffici della Compagnia carabinieri di Città della Pieve per le incombenze di rito, deferito all’autorità giudiziaria e rimesso in libertà.

Il comprensorio del Trasimeno, da metà dicembre, è stato colpito da una serie di furti negli appartamenti che si ripetono quotidianamente.


Condividi su:


Aggiungi un commento