Fuga di mezzanotte a Castiglion del Lago, un arresto e una denuncia - Tuttoggi

Fuga di mezzanotte a Castiglion del Lago, un arresto e una denuncia

Redazione

Fuga di mezzanotte a Castiglion del Lago, un arresto e una denuncia

Il conducente di una Bmw non si ferma all'alt dei Carabinieri e scatta l'inseguimento / Dopo uno sbandamento l'auto finisce fuori strada, non contento l'uomo aggredisce i militari
Sab, 31/01/2015 - 13:28

Condividi su:


Fuga di mezzanotte a Castiglion del Lago, un arresto e una denuncia

Nottata movimentata nella frazione Pineta del comune di Castiglion del Lago. Intorno a mezzanotte e mezzo circa di oggi (sabato 31 gennaio), infatti, due uomini in preda ai fumi dell’alcol, dopo aver importunato i clienti del Pub “Il Pellicano” di Pineta, si sarebbero dati alla fuga a bordo di un Bmw. Segnalati ai Carabinieri della locale stazione i due sono stati intercettati proprio da quest’ultimi, che hanno subito intimato l’alt alla vettura indicata.

Alla vista dei militari, però, il conducente del Bmw non avrebbe affatto rallentato la sua corsa, dandosi ancora alla fuga. I Carabinieri si sono immediatamente messi all’inseguimento dei due lungo la S.R. 599, dove è anche finita la corsa disperata del Bmw, finito in un dosso fuori dalla sede stradale e contro alcuni alberi a fianco della carreggiata.

Fortunatamente illesi, i fuggitivi avrebbero tentato invano di abbandonare il veicolo, quindi si sarebbero asserragliati all’interno dello stesso. Una volta avvicinatisi i militari il conducente, nell’intento di sottrarsi all’arresto, si sarebbe scagliato violentemente contro di loro, spintonandoli ed opponendosi ai tentativi di bloccarlo, mentre il passeggero (L.S., 29 operaio di origine marocchina residente a Panicale), pur cercando opponendo un’iniziale resistenza, si è arreso quasi subito e, perciò, non è stato arrestato ma solo deferito in stato di libertà.

L’agitato conducente (E.M., 34enne operaio originario del Marocco ma da tempo residente a Panicale) è stato in seguito sottoposto all’accertamento del tasso alcolemico e, quindi, deferito per guida in stato di ebbrezza alcolica, con conseguente sequestro dell’autovettura, ai fini della successiva confisca. Concluse le formalità di rito, E.M. è stato trattenuto presso le camere sicurezza della Compagnia di Città della Pieve e nella mattinata odierna condotto al Tribunale di Perugia, dove, dopo la convalida dell’arresto per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, è stato condannato, per patteggiamento, a sei mesi con la condizionale e rimesso in libertà.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!