Fratelli d'Italia marca gli alleati della Lega e annuncia i gazebo pro Romizi - Tuttoggi

Fratelli d’Italia marca gli alleati della Lega e annuncia i gazebo pro Romizi

Redazione

Fratelli d’Italia marca gli alleati della Lega e annuncia i gazebo pro Romizi

Prisco: "In lista metà componenti dalla società civile" | "Progetto Perugia", una casa per gli assessori senza partito: chi ci sta e chi no
Lun, 29/10/2018 - 15:19

Condividi su:


Romizi, venerdì, all’ultimo atto da assessore allo Stadio Santa Giuliana, aveva avuto parole di miele per l’amico, l’amministratore ed il politico Emanuele Prisco. E l’onorevole, tra i generali di Fratelli d’Italia in Umbria insieme a Zaffini e Squarta, ricambia la stima al sindaco assicurandogli il pieno e leale appoggio nella corsa per la riconferma a Palazzo dei Priori.

Anzi, per non perdere tempo, visto che con la (semi)investitura di Giuliano Giubilei a candidato del centrosinistra la campagna elettorale per Perugia 2019 è già inziata, Fratelli d’Italia attiverà da subito gazebo nei quartieri della città “per raccogliere richieste, istanze e suggerimenti dei cittadini utili a definire il programma di governo 2019-2024“.


Giubilei, dopo l’ok del Pd arriva quello… del Pd


Siamo certi di portare un contributo forte sia in termini di qualità che di quantità all’Amministrazione – ha detto Prisco, che di Fratelli d’Italia è anche presidente provinciale -. La nostra lista di partito – annuncia – sarà composta per metà da componenti della società civile. Come abbiamo dimostrato il nostro interesse non è legato alle poltrone quanto ai problemi dei cittadini. Con la Lega abbiamo un buon rapporto, siamo dalla stessa parte e non li consideriamo nostri avversari. L’iniziativa dei gazebo ‘Decidi tu’ – ha spiegato l’ex assessore – ci fa stare ancor più a contatto tra la gente nei quartieri al termine di una consiliatura molto positiva durante la quale siamo stati impegnati anche nella riqualificazione di aree degradate come l’ex tabacchificio in via Cortonese e nell’assegnazione di case popolari agli italiani“.

Prisco, insieme al senatore Franco Zaffini ed al consigliere regionale Marco Squarta, ha annunciato che il primo gazebo verrà posizionato l’8 novembre nel mercato rionale di Ponte San Giovanni. Attraverso un breve questionario composto di tre domande si chiederà alla gente, essenzialmente, se si ritiene che la gestione dell’attuale sindaco ha migliorato la città rispetto alle gestioni precedenti, qual è il grado di soddisfazione su alcune battaglie e temi specifici ma anche quali sono le richieste per il futuro.

Raggiungeremo ogni piazza e ogni rione di Perugia per dare voce ai cittadini, raccontare ciò che di buono è stato fatto e allo stesso tempo dare voce alla gente per comprendere fino in fondo le loro necessità – ha fatto sapere il coordinatore comunale FdI, Andrea Rossi -. Rispetto al 2013, quando siamo scesi in piazza per la prima volta, la situazione è completamente cambiata poiché oggi rappresentiamo una forza di governo. I gazebo verranno installati fino a marzo ma già stiamo lavorando per consentire anche le votazioni online“.

Siamo sempre stati forti sostenitori di Romizi – ha assicurato Squarta – dal punto di vista umano e politico. Le elezioni comunali del 2019 rappresentano una partita decisiva anche in vista delle regionali dell’anno successivo. FdI è un elemento centrale della coalizione di centrodestra, Romizi vincerà perché è un esempio di ottima amministrazione e di onestà. In più gode di un alto indice di gradimento proprio perché in questi quattro anni è sempre stato in mezzo alla gente“.

Le mosse degli alleati

Una mossa, quella di Fratelli d’Italia, anche per tamponare l’avanzata della super Lega, che alcuni sondaggi accreditano a Perugia addirittura intorno al 30%, sulla spinta del segretario nazionale Matteo Salvini e del malumore di alcuni quartieri perugini che presentano criticità, come a Fontivegge o nelle aree dei Ponti. Tra l’altro, contendendo consensi – su temi come l’immigrazione e la sicurezza – proprio a Fratelli d’Italia.

Un apporto di voti importanti per Romizi, ma anche una grossa ipoteca per un partito che in questa consiliatura non aveva posti in Giunta; gli equilibri, in caso di vittoria, sono destinati a cambiare pesantemente.

Lo sanno anche gli attuali assessori, che cercano un posto al sole anche per il futuro. Calabrese, nello sfogo pubblico-privato post vicenda multe e cartelle arretrate, ha fatto intendere di non voler ripetere l’esperienza in Giunta. Tuttavia, potrebbe essere il regista della lista di appoggio al sindaco, “Progetto Perugia”. Una lista che potrebbe contare i nomi di Cristina Casaioli, Edi Cicchi e forse Teresa Severini. Anche Dramane Waguè, che cinque anni fa si presentò alla testa di una lista civica che doveva guardare a sinistra, potrebbe trovare qui la sua nuova casa. Non così il vice sindaco Barelli, intenzionato correre ancora sotto una bandiera ambientalista. Il neo assessore Perari resta nelle fila smagrite di Forza Italia, anche se potrebbe essere tentato dalla lista di ispirazione socialista che guarda con interesse all’esperienza di Romizi, confidando anche sui malumori per l’abbraccio mortale dei socialisti “ufficiali” con il Pd.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!