Fondazione Carispo sostiene il trasloco della Procura a palazzo Martorelli Orsini - Tuttoggi

Fondazione Carispo sostiene il trasloco della Procura a palazzo Martorelli Orsini

Redazione

Fondazione Carispo sostiene il trasloco della Procura a palazzo Martorelli Orsini

Il presidente Zinni: "Trasferimento importante, la cittadella giudiziaria è un modello organizzativo di grande rilevanza" | Il plauso del sindaco Cardarelli
Mar, 07/02/2017 - 15:10

Condividi su:


Fondazione Carispo sostiene il trasloco della Procura a palazzo Martorelli Orsini

Ancora una volta la Fondazione Carispo è attenta alle esigenze del territorio. L’ente presieduto da Sergio Zinni ha infatti contribuito economicamente al trasferimento della Procura della Repubblica di Spoleto a palazzo Martorelli Orsini, trasloco in corso in questi giorni.

Articolo correlato: Via al trasloco della Procura a palazzo Martorelli Orsini

A renderlo noto, ringraziando l’impegno della Fondazione Cassa di risparmio di Spoleto e del suo presidente Sergio Zinni “per l’attenzione e la vicinanza dimostrata nei confronti del territorio e della città” è il sindaco Fabrizio Cardarelli“Anche in questa occasione – evidenzia il primo cittadino – la città ha potuto contare sul sostegno della Fondazione Carispo: se in questi giorni assistiamo al trasferimento degli uffici della Procura della Repubblica di Spoleto nella nuova sede di Palazzo Martorelli-Orsini, è anche grazie al contributo di questa nostra validissima realtà”.

Abbiamo voluto contribuire direttamente come Fondazione, sia per il rinnovo di parte degli arredi, sia per il trasloco vero e proprio – ha spiegato il presidente Zinniperché riteniamo questo trasferimento molto importante. La Cittadella giudiziaria è un modello organizzativo di grande rilevanza, che risponde con puntualità alle esigenze di una società dinamica, dove l’amministrazione della giustizia si configura quale elemento essenziale. Questa è un’ulteriore testimonianza di quanto la Fondazione Carispo sia legata al territorio e alla città di Spoleto in particolare”.


Condividi su:


Aggiungi un commento