Festival Due Mondi, Genesi-Apocalisse l’ultimo regalo di Carla Fendi a Spoleto

Presentate oggi al Teatro Caio Melisso le due stupende installazioni firmate, da Sandro Chia e Saskia Boddeke con Peter Greenaway | Il video del palco al Caio Melisso

share

Questa mattina, 2 luglio, al Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi è stata inaugurata, con una speciale performance introduttiva, “Genesi – Apocalisse | L’inizio e il compimento” opera di Sandro Chia, Saskia Boddeke e Peter Greenaway, progetto e regia di Quirino Conti, voluta e prodotta dalla Fondazione Carla Fendi.

In apertura della performance il direttore artistico del Festival di Spoleto, Giorgio Ferrara, e il nuovo Presidente della Fondazione Carla Fendi, Maria Teresa Venturini Fendi, hanno ricordato Carla Fendi e il suo lavoro di mecenate. Le parole di Maria Teresa Venturini Fendi raccontano il progetto come lo raccontava Carla Fendi, che, con gli occhi da discola, lo annunciava come lo spettacolo più bello realizzato dalla Fondazione, un progetto a sorpresa. Alla neo-presidente della Fondazione, Giorgio Ferrara ha voluto regalare un piccolo ulivo che verrà piantato e coltivato nel giardino del Vescovato di Spoleto e che porterà per sempre il nome di Carla Fendi.

Apocalisse – Marana tha

E di vera sorpresa, mista ad autentico stupore, si è caratterizzata la visita concessa in anteprima alla stampa per l’opera Apocalisse progettata da Saskia Boddeke e Peter Greenaway. In un colpo d’occhio dal sapore mistico, l’ingresso all’ex Museo Civico di Spoleto, proprio sotto al Teatro Caio Melisso, si è trasformato in una sorta di ritorno nell’utero materno alla riscoperta della vera origine delle cose. Un percorso caratterizzato da alcuni simbolismi dal forte impatto emotivo come la parole inglesi Horse- Cavallo e Hope- Speranza, sorta di alfa e omega dell’opera. E’ la stessa Saskia Boddeke ad accogliere  i giornalisti sotto le volte dell’ex-museo, con il pavimento trasformato in piscina e con la possibilità di effettuare la visita o a piedi nudi in acqua o con degli stivali di gomma, per narrare la struttura dell’ultima opera voluta da Carla Fendi.

L’Apocalisse è conosciuta ai più per l’immagine dei Quattro Cavalieri che per la società umana rappresentano da sempre una serie di squilibri. L’uomo che nel suo stato naturale ama la pace e l’amicizia, tenta di contenere queste derive per tornare alla condizione primigenia di non conflittualità. Quando questo è possibile, ed accade, i cavalli-Horse dei quattro cavalieri vengono messi a riposo nelle stalle e tenuti mansueti. Ed è quello che accade a Spoleto, dove ci si ritrova nelle stalle nelle quali i cavalli riposano placidi e Dio (maschile-femminile), in una stanza segreta, può osservarli e controllarli tutto il tempo. Solo la stalla del 4° Cavaliere, quello del disastro, è occupata da una docile creatura che rappresenta la Speranza-Hope. Nella installazione di Spoleto si potranno osservare i 4 cavalieri considerare e contemplare le loro molteplici implicazioni. Il senso dell’opera è diretto ad esaltare il diritto dei bambini di essere allevati in un ambiente sano e sicuro, il diritto ad essere istruiti, il diritto alla libertà di parola e di stampa, alla libertà di religione o a non averne nessuna. In poche parole a dimostrare che i Diritti Universali sono per tutti.


Genesi-Bereshit

Genesi di Sandro Chia è invece un lavoro del celebre artista italiano realizzato con decine di immagini scaturite dalla mente di Chia. Immagini che si susseguono senza interruzione, dissolvendosi una nell’altra, veri e propri colpi d’occhio. Un opera che vuole confermare visivamente come la realtà si dissolve e si ricrea incessantemente. Ed è la stessa Arte a scandire il tempo della Genesi, poichè ogni opera d’arte tende appunto all’infinito non trovando mai una sua conclusione ma lasciando sempre aperta una possibilità  alla sua fatale infinitezza.

La presentazione

La giornata dedicata all’inaugurazione delle due opere è poi proseguita, in un Caio Melisso stracolmo come sempre di appassionati, con la storica dell’arte Lea Mattarella che ha condotto la presentazione, illustrando il lavoro degli artisti Sandro Chia, Saskia Boddeke e Peter Greenaway.
Sono poi intervenuti i filosofi e poeti Erri De Luca, che ha riflettuto sulla parola “Genesi”e sul suo significato nell’ambito del linguaggio, e Massimo Cacciari, che ha posto in relazione il concetto di “Apocalisse” con la storia e il tempo, intendendolo come un momento non di fine, ma di rivelazione.

Gli interventi sono stati intervallati da momenti musicali di forte spiritualità grazie al solista Raiz, cantante e autore italiano, sui testi della Genesi, l’illustre virtuosità di Giovanni Sollima accompagnato dal violoncello di Francesco Pedicelli e Gianluca Pirisi e i divini canti del soprano Divna, artista di origine serba, con il Melodi Ensemble.

Dopo la presentazione gli spettatori si sono diretti sia all’Ex Museo Civico per vedere l’Apocalisse della coppia Boddeke-Greenaway,  che alla Chiesa della Manna D’Oro, dove è allestita la Genesi di Sandro Chia.

Erano presenti Paola, Franca e Anna Fendi, Maria Teresa Venturini Fendi, Delfina Delettrez Fendi, Franca Pucci della Genga, Sandra Carraro, Francesca Lo Schiavo e Dante Ferretti, Ruth Shammah, Mirella Haggiag, il direttore artistico Giorgio Ferrara con gli artisti
Saskia Boddeke, Peter Greenaway e Sandro Chia.

L’impegno della Fondazione Carla Fendi si concluderà, domenica 16 luglio, con la sesta edizione del Premio Fondazione Carla Fendi, un evento a sorpresa così come a  sorpresa sarà il premiato. Un racconto immaginifico che verrà interpretato e presentato da grandi
personalità del mondo della cultura.

Riproduzione riservata

Foto: Tuttoggi.info (Carlo Vantaggioli)

Video: Tuttoggi.info (Sara Cipriani)

share

Commenti

Stampa