Evade dal carcere di Perugia, arrestato in Francia dall'antiterrorismo - Tuttoggi

Evade dal carcere di Perugia, arrestato in Francia dall’antiterrorismo

Redazione

Evade dal carcere di Perugia, arrestato in Francia dall’antiterrorismo

Il 33enne tunisino si era allontanato da Perugia mentre era in regime di semi-libertà. Monitorato perché legato ad ambienti contigui all’estremismo islamico a rischio radicalizzazione e segnalato da altre autorità europee per attività correlate al terrorismo
Mar, 19/02/2019 - 11:13

Condividi su:


Era evaso dal carcere di Perugia mentre era in regime di semi-libertà, ora un giovane straniero ritenuto vicino all’estremismo islamico è stato assicurato di nuovo alla giustizia dopo essere stato ritrovato in Francia.

Lo scorso 15 febbraio, infatti le autorità francesi hanno proceduto alla consegna alla Polizia di Stato, presso il Posto di Frontiera di Ventimiglia, di un cittadino tunisino 33enne, tratto in arresto in territorio francese lo scorso dicembre.

Lo straniero, colpito da mandato di arresto europeo per traffico di stupefacenti e ricettazione, era detenuto in regime di semi-libertà nel carcere di Perugia, da cui è evaso la scorsa estate. Lo straniero era da tempo oggetto di attività info-investigativa della D.I.G.O.S. di Perugia, in quanto ritenuto legato ad ambienti contigui all’estremismo islamico a rischio radicalizzazione e segnalato da altre autorità europee per attività correlate al terrorismo.

Dopo l’evasione, pertanto, la Procura della Repubblica di Perugia attivava la procedura per la cattura anche in ambito internazionale del tunisino, delegando la DIGOS di Perugia alle necessarie attività investigative finalizzate al rintraccio del latitante. Determinante, per la cattura dello straniero, è risultata l’attività investigativa della DIGOS di Perugia, coordinata dal Servizio Antiterrorismo della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, che localizzava il soggetto in Francia, nella città di Tolone, attraverso l’analisi dei numerosi profili social allo stesso riconducibili, delle diverse schede telefoniche utilizzate, nonché del flusso di denaro che da Perugia attraversava l’Italia per raggiungere il Paese transalpino.

Le suddette informazioni, concernenti la presenza del soggetto in Francia, venivano veicolate al Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia – Divisione SIRENE – che, tramite le collaterali unità antiterrorismo francesi, procedeva all’individuazione ed alla successiva cattura del soggetto, avvenuta nella città di Tolone, grazie ad una serrata attività di osservazione e pedinamento dei personaggi, che in quella città avevano dato ospitalità al latitante.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!