Verso le elezioni tra divisioni interne e tattica, a Castello è partita sfida a 4 - Tuttoggi

Verso le elezioni tra divisioni interne e tattica, a Castello è partita sfida a 4

Davide Baccarini

Verso le elezioni tra divisioni interne e tattica, a Castello è partita sfida a 4

Lun, 23/08/2021 - 17:04

Condividi su:


Dopo mesi di riflessioni, divisioni e ripensamenti la campagna elettorale parte anche a Città di Castello: i candidati sono Luciana Bassini, Roberto Marinelli, Luca Secondi e Andrea Lignani Marchesani

E’ corsa a 4 per la poltrona di sindaco di Città di Castello. La campagna elettorale delle prossime elezioni amministrative è (finalmente!) “esplosa” in queste ore (va ricordato che le liste andranno depositate entro il 3 settembre).

Salvini presenta il “civico” Marinelli

Dopo le prime dichiarazioni da “candidati” di Secondi e Lignani Marchesani, infatti, sono arrivate oggi (23 agosto) le dimissioni da assessore di Luciana Bassini e la presentazione del “civico” della Lega Roberto Marinelli. Per il candidato del Caroccio si è “scomodato” perfino il segretario federale Matteo Salvini (seconda visita in meno di un mese in Altotevere), che nella sede leghista tifernate ha rilanciato pure un ultimo appello a tutte le forze del centrodestraper una scelta unitaria e vincente”.

Al suo fianco Marinelli – avvocato privo della tessera di partito – ha dichiarato di essersi “messo in gioco con chi ama ‘visceralmente’ la città per un cambiamento vero e un concreto salto di qualità, con l’entusiasmo e il coinvolgimento dei cittadini, finora messi sempre da parte“.

Le dimissioni da assessore di Bassini, pronta la candidatura

In mattinata è di fatto arrivata anche l’ufficialità della candidatura a sindaco di Luciana Bassini, che tramite una lettera inviata all’attuale primo cittadino Bacchetta ha rimesso nelle mani di quest’ultimo le deleghe alle Politiche sociali, Pari Opportunità, Protezione Civile e Personale gestite in questi ultimi 5 anni.

Un gesto inequivocabile che oltre a sancire l’inizio della sua corsa al governo cittadino, conferma a tutti gli effetti la spaccatura interna al Centrosinistra, dopo i vari ma infruttuosi tentativi di dietro-front verso un candidato unico.

Secondi sceglie il “ricambio generazionale”

Se Bassini – che aveva accettato di “rappresentare valori democratici, ambientalisti e liberali” – avrà il sostegno di Castello Cambia, M5S, CiviciX, La Sinistra-Art. 1, Europa Verde e Unione Civica Tiferno, dall’altra parte Pd, Psi, Azione, Iv e Sinistra per Castello puntano su Luca Secondi, che ha dichiarato di voler “guidare una squadra costruita per il ricambio generazionale della classe dirigente politica, con idee e obiettivi che vengono dal basso e hanno un’anima popolare ancorata all’identità tifernate: i cittadini giudicheranno la capacità di interpretare le esigenze del cambiamento, non certo le etichette date da qualcuno”.

Poi sull'”ammutinamento” della Bassini: “Continuo a pensare che la stima reciproca con Luciana Bassini non precluda una collaborazione, ma devo prendere atto della sua scelta di rinunciare a unire l’intera area del Centrosinistra di Città di Castello e schierarsi con le forze politiche che negli ultimi cinque anni sono state all’opposizione”.

La “sfida alle stelle” di Lignani

Continua deciso la sua “sfida alle stelle” – così definita da lui stesso – Andrea Lignani Marchesani, candidato sindaco di Fratelli d’Italia, Forza Italia, Udc, Cambiamo con Toti e Civica Castello. L’ex consigliere regionale – già candidato a primo cittadino tifernate nel 2006 – ha lanciato in queste ore il suo primo messaggio di “sfida” elettorale, direttamente dal suo profilo Facebook, che non sembra proprio venire incontro agli appelli di unitari della Lega:

L’Amore per la propria Comunità è mettersi in gioco, l’Amore per la propria Città è mettere da parte egoismi di parte, l’Amore per il Popolo che hai l’ambizione di rappresentare è capitalizzare la propria esperienza potenziandola con le cadute e i venti contrari – scrive Lignani, continuando con un appello parallelo e contrario a quello fatto dai leghisti – Non ho paura e per questo rendo pubblico quello che nei colloqui politici ripeto da settimane: tutti facciano un passo indietro per farne insieme due avanti e costruire in armonia il futuro. Ora sta ad altri scegliere il dialogo o l’arroganza. Sono fiducioso e sarà quello che la Provvidenza ha riservato a me e ai miei tanti Amici”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!