Dopo oltre 4 anni Città di Castello riavrà la sua Biblioteca, taglio del nastro il 10 marzo - Tuttoggi

Dopo oltre 4 anni Città di Castello riavrà la sua Biblioteca, taglio del nastro il 10 marzo

Redazione

Dopo oltre 4 anni Città di Castello riavrà la sua Biblioteca, taglio del nastro il 10 marzo

Lo annunciano il sindaco Bacchetta e l'assessore alla Cultura Bettarelli, finalmente pronta ad aprire la nuova sede di Palazzo Vitelli a San Giacomo
Mer, 27/02/2019 - 17:33

Condividi su:


Dopo oltre 4 anni Città di Castello riavrà la sua Biblioteca, taglio del nastro il 10 marzo

Preceduta da una visita istituzionale e dall’anteprima per la stampa, domenica 10 marzo 2019, alle 16.30, sarà finalmente inaugurata la nuova Biblioteca di Città di Castello.

Mentre fervono i preparativi dell’ultim’ora a Palazzo Vitelli a San Giacomo, il sindaco tifernate Luciano Bacchetta e l’assessore alla Cultura Michele Bettarelli invitano tutta la città al taglio del nastro, che “per il lungo tempo atteso e per le grandi potenzialità che racchiude, non può che essere una festa a cui sarebbe bello che tutti partecipassero”.

La nuova Biblioteca è stata progettata per diventare un luogo in cui ogni generazione, ma soprattutto bambini e giovani, dovranno sentirsi nel proprio ambiente naturale. L’Amministrazione ha lavorato e investito in questo contenitore, con un pregio architettonico evidente. Abbiamo coinvolto i massimi esperti del settore nella progettazione di spazi e funzioni, riservando un’attenzione specifica verso i più piccoli, ai quali abbiamo destinato la sala più bella del palazzo. È una biblioteca di ultima concezione dove convivranno la conservazione dei testi – in quanto biblioteca storica, memoria documentale di città e territorio -, e le funzioni di promozione culturale, in cui trovare il proprio modo per avvicinarsi al piacere della lettura, all’informazione, alle nuove tecnologie di comunicazione, con orari che sia modulati sulle fasce di tempo libero dei cittadini

La notizia dell’inaugurazione viene diramata in concomitanza con l’inizio di una campagna di comunicazione in tutta la città, dove figurano il logo e la grafica, pensati per la Nuova Biblioteca: “Palazzo Vitelli a San Giacomo è una ripartenza rispetto ai molti meriti e al grande ruolo di avvicinamento alla cultura che ha svolto l’indimenticata sede delle Giulianelle. Per questo, cambieremo tutto ma non il nome. La Biblioteca di Città di Castello continuerà ad essere intestata a Carducci. Cosa è destinata a diventare in futuro invece dipenderà molto dagli utenti, da come e quanto la utilizzeranno a partire dal primo giorno. Oggi finalmente la nuova Biblioteca non è più un obiettivo ma una realtà concreta che saluteremo con un corteo, un Bibliocorteo, da Corso Cavour a via XI Settembre, passaggio di consegna simbolico dal luogo che in questi tre anni è stato una prova generale della nuova Biblioteca, ‘NelFrattempo’. La Filarmonica Puccini e l’animazione di tante associazioni saranno coinvolte in questa iniziativa di varo e nella visita al Palazzo”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!