Dissesto Comune di Terni, Confcooperative preoccupata - Tuttoggi

Dissesto Comune di Terni, Confcooperative preoccupata

Redazione

Dissesto Comune di Terni, Confcooperative preoccupata

Allarme delle cooperative: timori per i crediti a rischio ed il blocco dei pagamenti | Presto il tavolo dell'Alleanza delle cooperative
Lun, 05/02/2018 - 13:00

Condividi su:


“Il dissesto economico del Comune di Terni rischia di dare il colpo di grazia alle molte imprese, già in precario equilibrio finanziario, che con l’Ente comunale operano in appalto o in convenzione e che vedono i loro crediti seriamente a rischio”.

A lanciare il grido d’allarme sulla crisi in generale nella provincia di Terni e in particolare sulla situazione del Comune ternano è l’Organo Direttivo Regionale di Confcooperative, che nel territorio provinciale di Terni associa 100 cooperative capaci di dare lavoro a 1.500 addetti.

Su Terni esiste un problema grave e contingente legato al sicuro blocco dei pagamenti da parte del Comune verso le cooperative appaltatarie – spiega il Presidente regionale di Confcooperative, Andrea Fora – aggravando sensibilmente una situazione che già presentava pesantissimi ritardi, che nel sociale raggiungevano anche i 24 mesi”. E il vice Presidente di Confcooperative e Coordinatore provinciale, Luca Raggi, fa eco con altri numeri da brivido: “La crisi del Comune si aggiunge a quella dell’intera provincia di Terni; i dati che ci sono stati evidenziati in una recente riunione in Camera di Commercio dal Presidente Flamini parlano chiarissimo: 50% di disoccupazione giovanile e un saldo negativo di 1.300 imprese – il 10% circa – nel periodo della crisi: stiamo perdendo un’intera generazione e scivolando inesorabilmente verso il sud”.

Confcooperative, attraverso il Segretario Regionale, Lorenzo Mariani, oltre ad auspicare soluzioni celeri, individua anche alcuni punti “sui quali incentrare il rilancio di Terni e della provincia tutta, a partire dalle eccellenze e dalle bellezze di un territorio meraviglioso e mai adeguatamente valorizzato anche in chiave regionale, dal rilancio della vocazione industriale in chiave green, da un welfare più sostenibile e moderno con una adeguato supporto della finanza pubblica e privata”.

Il mondo cooperativo si è anche posto la domanda se possa essere la politica in grado di dare risposte a questo clima di sfacelo, ma a tal proposito il Presidente Fora non ha dubbi: “Non credo che la sola politica possa dare risposte e non ritengo che la politica sia l’unica artefice di questa situazione: tutti dobbiamo sentirci coinvolti e tutti dobbiamo metterci in gioco facendo la propria parte. La cooperazione lo farà! Convocheremo in settimana un tavolo dell’Alleanza delle Cooperative con i dirigenti territoriali delle tre Centrali Cooperative e con un obiettivo chiaro che non può essere quello di piangerci addosso. L’intento sarà quello di innescare un cambio di paradigma. Mi sforzo sempre di vedere il bicchiere mezzo pieno e dico che grazie anche a questa crisi istituzionale del Comune di Terni, che lascia aperte cicatrici dolorose che dovranno essere subito curate, il momento è più che mai opportuno per generare ed accelerare su nuove proposte e nuove visioni”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!