Dal 16 luglio riparte il Teatro dell’Opera di Roma - Tuttoggi

Dal 16 luglio riparte il Teatro dell’Opera di Roma

ItalPress

Dal 16 luglio riparte il Teatro dell’Opera di Roma

Lun, 22/06/2020 - 16:17

Condividi su:


ROMA (ITALPRESS) – Ventuno serate di spettacolo con opera, balletto e star internazionali. E’ la nuova stagione del Teatro dell’Opera di Roma, in programma dal 16 luglio al 13 agosto 2020 e presentata oggi. “Siamo il primo Teatro dell’Opera che riparte in Europa e lo faremo in una nuova cornice significativa come Il Circo Massimo. E’ giunto il momento di riuscire fuori, di rincontrarci, ma sempre in sicurezza. Questa stagione è il simbolo di una Roma che riparte”, ha detto la sindaca di Roma e presidente della Fondazione del Teatro dell’Opera di Roma, Virginia Raggi.
Ad aprire la stagione un nuovo Rigoletto di Verdi (16 luglio – 20 luglio) con la direzione di Daniele Gatti e la regia di Damiano Michieletto pensato in chiave anti Covid-19, Il barbiere di Siviglia (22 luglio – giovedì 13 agosto) e La vedova allegra (31 luglio – 12 agosto) in forma di concerto con interpreti internazionali diretti da Stefano Montanari, due gala con le star Anna Netrebko e Yusif Eyvazov (6 agosto – 9 agosto) un nuovo balletto sulle musiche de Le quattro stagioni di Vivaldi (25 luglio – 3 agosto) con la coreografia di Giuliano Peparini e il Corpo di Ballo che osserverà il distanziamento. Tutte le rappresentazioni inizieranno alle ore 21 e i biglietti saranno in vendita da martedì 23 giugno.
“Abbiamo deciso di dedicare la prima de ‘Il Barbiere di Siviglià direttamente al personale medico e sanitario che in questi mesi ha lavorato duramente nella lotta contro il Covid-19”, ha aggiunto la sindaca Raggi.
“Uno dei problemi fondamentali per far ripartire opera e balletti in forma scenica è avere lo spazio giusto per rispettare le norme previste, ma permettendo l’esibizione”, ha spiegato il sovrintendente dell’Opera di Roma, Carlo Fuortes. “Il teatro e le terme di Caracalla oggi non lo consentono per le dimensioni – ha aggiunto -. Per quello abbiamo pensato al Circo Massimo, luogo di spettacolo nell’immaginario di tutto il mondo in cui mettere in scena dei colossal. Ci saranno mille posti e un palcoscenico da 1.500 mq, tre volte quello del Teatro Costanzi”.
(ITALPRESS).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!