Cure gratuite con l'Ambulatorio della Solidarietà - Tuttoggi

Cure gratuite con l’Ambulatorio della Solidarietà

Redazione

Cure gratuite con l’Ambulatorio della Solidarietà

Funziona il progetto avviato in autunno in via sperimentale: chi può beneficiarne e gli orari
Mar, 11/02/2020 - 16:03

Condividi su:


Cure gratuite con l’Ambulatorio della Solidarietà

Avviato in via sperimentale lo scorso autunno, l’“Ambulatorio della Solidarietà” di Perugia risponde in maniera concreta al tema della Giornata mondiale del malato 2020.

Si tratta di un progetto sostenuto dal cardinale arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, e condiviso dall’arcivescovo di Camerino-San Severino Marche monsignor Francesco Massara. Sono i pastori delle due Arcidiocesi proprietarie, insieme alla Fondazione Eremo Santuario del Beato Rizerio di Muccia (Mc), della Casa di cura “Clinica Lami” Spa di Perugia, struttura sanitaria che ha reso possibile la realizzazione di questo progetto.

I destinatari

L’“Ambulatorio della Solidarietà” è nato da una crescente richiesta di aiuto alla Caritas; nella fase sperimentale ne hanno usufruito trenta persone. Basti pensare che nei primi cinque anni di attività del Consultorio medico della Caritas di Perugia, sono state archiviate 680 cartelle di persone richiedenti un aiuto sanitario, con una media di 120-130 persone all’anno, delle quali un terzo italiane spesso senza fissa dimora e pensionate. L’“Ambulatorio della Solidarietà” è per pazienti, non esenti per patologia, fra i sei e i sessantacinque anni di età, identificati nella fascia di reddito “R1”, fra 0 e 36 mila euro lordi, che rinunciano a sottoporsi a visite ed esami mettendo a rischio la salute.

In tutta l’Umbria, una regione con meno di 900mila abitanti, sono circa 200mila le persone con reddito “R1” e oltre 113mila quelle in povertà relativa, pari al 14,6% della popolazione, nettamente superiore a quella nazionale dell’11,8% (dato Istat 2018).

La collaborazione con la “Clinica Lami”

Quest’ambulatorio è il frutto della collaborazione tra Caritas, Ufficio per la pastorale della salute, Associazione medici cattolici di Perugia e la Casa di cura “Clinica Lami”. Quest’ultima ospita l’“Ambulatorio della Solidarietà”, mettendo a disposizione locali e strutture il cui utilizzo è regolamentato da una convenzione stipulata tra l’Arcidiocesi di Perugia e la “Lami”. Clinica che le summenzionate Arcidiocesi e Fondazione religiosa hanno ricevuto in eredità dal suo fondatore, il chirurgo Cesare Lami Angelucci animato da spiccato senso di carità, che avviò l’attività nel 1950 come casa di cura polispecialistica per poi occuparsi in particolare di Ortopedia e riabilitazione funzionale.

La “Clinica Lami” da sempre pone al centro il malato, che significa credere in concreto ad un concetto integrale di salute in cui le dimensioni fisica, psichica, spirituale e sociale si intersecano in un tutt’uno. Le sue opere sono finalizzate al bene più che al guadagno di per se stesso, con l’utilizzo degli utili di gestione per attività caritativo-assistenziali.

La conferenza stampa

Alla conferenza stampa di presentazione dell’“Ambulatorio della Solidarietà”, a cui sono intervenuti il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo Francesco Massara, i presidenti della “Clinica Lami” Fabio Barboni e dell’Amci Perugia Marco Dottorini e la responsabile del Consultorio medico della Caritas perugina Fiammetta Marchionni, è stata illustrata la campagna“Ho bisogno di te”. Si tratta di una campagna di informazione-promozione, che riporta nel manifesto il volto del venerabile servo di Dio Vittorio Trancanelli, noto chirurgo perugino del quale è in corso la causa di canonizzazione, rivolta a tutti i medici perché aderiscano all’iniziativa donando del proprio tempo all’ambulatorio, garantendo l’attività e assicurando le necessità specialistiche che si presentano.

Riguardo a questa campagna è stata inviata una richiesta di collaborazione anche all’Azienda Ospedaliera “Santa Maria della Misericordia” di Perugia, all’Azienda USL Umbria 1 e all’Ordine dei Medici di Perugia. «C’è bisogno di tante specialità per poter rispondere a tutte le necessità che vengono raccolte», ha commentato il dottor Dottorini nel presentare la campagna “Ho bisogno di te”. “I numeri che abbiamo – ha aggiunto il presidente dell’Amci perugina – sono estremamente pesanti dal punto di vista sociale ai quali, forse, non tanto l’attenzione pubblica si rivolge perché sono molte le persone che hanno bisogno di assistenza sanitaria“.

L’accesso all’ambulatorio

L’accesso all’“Ambulatorio della Solidarietà” (il sabato mattina), dove è possibile eseguire anche esami radiologici e di laboratorio attraverso la “Clinica Lami” i cui costi sono sostenuti dall’Arcidiocesi di Perugia con il Fondo 8XMille per la Carità, è revisionato dalla Caritas, attraverso il suo Consultorio, e dai medici di Medicina generale che conoscono le situazioni dei pazienti per garantire una corretta fruizione delle prestazioni offerte.

Servizio gratuito, ma più medici volontari

Rispondendo ad una domanda, il cardinale Bassetti ha ribadito che “il servizio è gratuito, pero le spese sanitarie vanno pagate, quindi, ben vengano offerte alla Caritas diocesana per questa attività, ma noi insistiamo soprattutto sul volontariato, che mi sta molto a cuore, soprattutto quello per i giovani. L’“Ambulatorio della Solidarietà” – ha sottolineato il cardinale – è una bellissima iniziativa di volontariato che è sempre un’espressione di amore gratuito. E quando si fa un atto d’amore, ci si mette sempre in una avventura“. E ben venga quest’avventura quando, ha proseguito il presule, “mi sono trovato davanti a delle persone indigenti che avevano bisogno di cure e si ponevano il problema se farle o meno, perché dovevano sottrarre risorse economiche alla famiglia, ai figli…“.

La collaborazione con Camerino

Un progetto che va nella direzione sollecitata dal papa e che a Perugia è stato possibile realizzare grazie anche alla collaborazione con Camerino. “Ringrazio il cardinale Bassetti – ha detto monsignor Massara – per avermi fatto condividere pienamente il suo desiderio di realizzare questo ambulatorio, anche perché Camerino, con il terremoto, ha ricevuto e continua a ricevere tanta solidarietà”.

Gli altri interventi in conferenza stampa hanno sottolineato l’importanza del progetto, che va anche a colmare le lacune dello Stato sociale in ambito sanitario e a sollecitare l’opera di volontariato tra i medici specialisti. Già in altre città italiane sono attive esperienze simili per dare risposte più tecnico-sanitarie e specialistiche, oltre a servizi per la distribuzione e l’aiuto nell’acquisto di farmaci. L’“ambulatorio perugino, è stato evidenziato, sta dando già alcune risposte sia di diagnostica strumentale che di esami di laboratorio.


Condividi su:


Aggiungi un commento