Cultura e salute mentale, progetto su “welfare di comunità” esteso a tutto il Trasimeno - Tuttoggi

Cultura e salute mentale, progetto su “welfare di comunità” esteso a tutto il Trasimeno

Redazione

Cultura e salute mentale, progetto su “welfare di comunità” esteso a tutto il Trasimeno

Gio, 22/10/2020 - 08:20

Condividi su:


Cultura e salute mentale, progetto su “welfare di comunità” esteso a tutto il Trasimeno

L’emergenza sanitaria modifica i programmi, ma non certo gli obiettivi del progetto “I Patrimoni museali del Trasimeno per un welfare di comunità”, realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e gestito dalla Cooperativa Frontiera Lavoro. Progetto nato allo scopo di utilizzare i patrimoni culturali quali luoghi e mezzi attraverso i quali superare l’isolamento sociale.

Il Festival

Sarebbe dovuto essere un Festival, o meglio la seconda edizione del Festival del Paesaggio, a chiudere il biennio del progetto sulla “democratizzazione della cultura a partire da TrasiMemo Arts&Crafts”. Progetto attuato a partire da febbraio 2019 in quattro musei del Trasimeno (TrasiMemo di Paciano, il Museo del vetro di Piegaro, il Museo della pesca di San Feliciano e il Museo di storia naturale e del territorio Verri di Città della Pieve), dove sono stati avviati percorsi terapeutici attraverso dei laboratori artigianali.

Il Festival avrebbe avuto lo scopo, come già accaduto lo scorso anno, “di creare una rete di relazioni e di restituire il valore della fruibilità patrimoniale, anche in un’ottica terapeutica e di inclusione sociale”.

Il problema Covid

Ma le norme anticovid hanno costretto gli organizzatori a modificare i piani. Il vuoto lasciato dal Festival del paesaggio sarà riempito da una serie di uscite sul territorio, così da abbracciare tutta l’area degli otto comuni del lago. I partecipanti (alcuni pazienti in carico al Centro di Salute Mentale del Trasimeno, allo SREE del Distretto del Trasimeno ed ai Servizi Sociali Comunali) visiteranno luoghi dal significato pregnante come il Museo delle barche di Passignano, il Campo del Sole a Tuoro, la ex fabbrica “Pomodoraia” di Castiglione del Lago ed effettueranno una passeggiata immersi tra le piante di olivo di Panicale.

Del resto a questo si punta pensando già ad una seconda edizione del progetto. Estendere l’esperienza a tutto il Trasimeno, per una condivisione generale di un percorso pilota, che non ha precedenti. Un’intenzione accolta con favore dalla stessa Unione dei Comuni, che nei giorni scorsi ha incontrato i diversi attori del progetto per un bilancio di quanto fin qui realizzato e per gettare insieme le basi della sua prosecuzione.

“Questo progetto è nato con l’idea di svilupparsi e investire le capacità e le forze di un territorio ampio come quello dell’Unione – ha dichiarato il presidente Giulio Cherubini -. Siamo contenti che oggi alla conclusione di questo primo step si pensi già alla prossima progettazione che andrà ad agire sugli altri territori.

La vita di questi nostri spazi museali non può essere rivolta solo al mondo turistico, ma deve essere concepita come vero patrimonio culturale e paesaggistico identitario di tutti i cittadini dell’Unione.

Per questo sosteniamo con forza questa idea. Siamo convinti che da questa prima esperienza, senza soluzione di continuità, si possa partire e rilanciare, oltre che esportare, il progetto”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!