Covid, positivi stabili o in calo in tutto il Trasimeno | L'aggiornamento per comune

Covid, positivi stabili o in calo in tutto il Trasimeno | L’aggiornamento per comune

Massimo Sbardella

Covid, positivi stabili o in calo in tutto il Trasimeno | L’aggiornamento per comune

Gio, 26/11/2020 - 15:04

Condividi su:


Covid, positivi stabili o in calo in tutto il Trasimeno. L’aggiornamento di oggi (giovedì 26 novembre) della Protezione civile regionale conferma che il Trasimeno non è più tra le zone critiche in Umbria in questa seconda ondata del Coronavirus. Anche se la guardia non può essere abbassata.

L’aggiornamento sui contagi per comune

Situazione stabile a Castiglione del Lago, dove le persone attualmente positive al Covid restano 71. Due i nuovi contagiati nell’ultimo giorno, ma si conta lo stesso numero di persone guarite. Due degli otto ricoverati sono stati dimessi. Resta un solo paziente Covid castiglionese in terapia intensiva.

Scendono a 41 i contagi a Città della Pieve, dove non ci sono stati nuovi positivi, mentre 3 persone sono state dichiarate guarite. Restano 2 i ricoverati.

Diciotto persone guarite in un solo giorno fanno scendere a 91 il numero dei positivi al Coronavirus a Magione, dove si registrano 3 nuovi positivi. Restano quattro i ricoverati, di cui uno in terapia intensiva.

A Paciano i positivi scendono a 15, a 46 a Panicale, dove restano due le persone ricoverate.

Tre i ricoverati a Passignano, dove i positivi scendono a 25. A Piegaro sono 9.

Tuoro, il sindaco: niente tana libera tutti

Stabile a 26 il numero dei positivi a Tuoro, dove nell’ultimo giorno ci sono stati 3 nuovi contagi e 3 guariti.

Il sindaco Maria Elena Minciaroni invita alla prudenza. Anche a proposito della riapertura delle scuole. Ricordando che a Tuoro ci sono stati otto casi positivi legati al mondo delle scuole secondarie di secondo grado: “È vero che la DAD non è certo il metodo pedagogico migliore e che le ripercussioni sull’apprendimento, sullo sviluppo interrelazionale sono importanti. Per lo sviluppo psico-motorio degli alunni sono fondamentali sia la scuola in presenza che le attività extra scolastiche ma come c’è il diritto alla scuola, c’è anche quello alla salute ed al lavoro. È giusto ritornare alla didattica in presenza ma se ci sono le condizioni”.

Quindi, per Minciaroni, “è giusto un rallentamento delle restrizioni ma attenzione all’interpretazione della ‘tana via libera tutti'”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!