Covid-19, chiude Coc dopo 140 giorni | Comune celebra eroi della Protezione Civile - Tuttoggi

Covid-19, chiude Coc dopo 140 giorni | Comune celebra eroi della Protezione Civile

Redazione

Covid-19, chiude Coc dopo 140 giorni | Comune celebra eroi della Protezione Civile

Cerimonia di ringraziamento per la chiusura del Centro operativo comunale, Amministrazione consegna riconoscimenti ai componenti della Prociv umbertidese
Sab, 01/08/2020 - 11:50

Condividi su:


Covid-19, chiude Coc dopo 140 giorni | Comune celebra eroi della Protezione Civile

“Ricorderemo sempre con gratitudine la vostra eccezionale dedizione e il vostro generoso altruismo nei confronti della cittadinanza tutta”. Queste le parole impresse sulla targa che il sindaco di Umbertide Luca Carizia ha consegnato al presidente del Gruppo Comunale di Protezione Civile Gabriele Lisetti, nel corso della cerimonia di ringraziamento per la chiusura del Centro operativo comunale (Coc), avvenuta a 140 giorni dalla sua apertura a causa dell’emergenza Covid-19.

All’evento, svoltosi nel tardo pomeriggio di ieri (venerdì 31 luglio) presso la sede della Protezione Civile umbertidese, insieme al primo cittadino e al presidente Lisetti hanno preso parte rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, Francesca Procacci di Anci Prociv Umbria, volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile e membri di altre associazioni di volontariato cittadine impegnate nel corso dell’emergenza.

“Protezione civile mai tirata indietro”

Ad Umbertide l’ordinanza per aprire il Coc è stata firmata il 12 marzo, tre giorni prima della presenza del primo caso positivo nel territorio comunale, perché avevamo la sensazione che il Covid sarebbe arrivato anche da noi. – ha raccontato CariziaLo chiudiamo dopo quattro mesi e diciotto giorni di lavoro continuativo su una situazione che nessuno di noi conosceva. Abbiamo cercato di reagire nel miglior modo possibile, con la consegna di farmaci e pacchi spesa alle persone anziane, a coloro che si trovano in difficoltà e ai nostri concittadini positivi in isolamento domiciliare”.

C’è stato un lavoro quotidiano per gestire i possibili assembramenti. Qualsiasi cosa l’amministrazione abbia chiesto la Protezione civile non si è mai tirata indietro. La Prociv di Umbertide ha dimostrato di essere un riferimento vero, oggettivo e puntuale attivandosi ogni volta che c’era una situazione di grande criticità

Abbiamo chiuso il Coc ma il livello di attenzione deve restare alto, – ha aggiunto il sindaco – tanto che nell’ordinanza di revoca si parla della possibilità di riattivarlo in qualsiasi momento. Ho voluto mettere la fascia tricolore per questa occasione perché si tratta di un momento di assoluto ringraziamento e grande vicinanza a tante persone che hanno fatto in modo che questa situazione di difficoltà venisse affrontata nel miglior modo possibile”.

“Volontari di Umbertide meravigliosi”

“Quella che abbiamo vissuto è stata una guerra che in Umbria abbiamo vissuto diversamente da quello che è avvenuto in altre regioni d’Italia – ha detto Francesca Procacci di Anci Prociv Umbria – Siamo stati bravi e possiamo dirlo senza problemi, perché abbiamo puntato sulla prevenzione. Come tecnici ce l’abbiamo messa tutta e continuamente abbiamo dato il nostro sostegno alle amministrazioni cercando di dare un risposta. I volontari di Umbertide sono un gruppo meraviglioso, fatto di persone che a livello umano possono dare tantissimo e lo hanno dimostrato lavorando bene insieme. Una grande mano l’hanno data i cittadini, mostrando grande rispetto verso le divise e il sistema di protezione civile”.

I numeri

Il presidente Lisetti ha quindi elencato tutti i numeri dell’attività del Gruppo. I volontari impiegati, divisi in due turni dalle 8 alle 14 e dalle 14 alle 20 (con due volontari reperibili nelle ore notturne dal 1° aprile al 31 luglio) sono stati 1.383: nello specifico 233 a marzo, 336 ad aprile, 327 a maggio, 253 a giugno e 234 a luglio.

In tutto il periodo di apertura del Coc i tre mezzi del Gruppo Comunale di Protezione Civile hanno percorso in totale 11.341 km. Le consegne effettuate sono state 727, di cui 365 di generi alimentari, 204 di farmaci e 158 di tablet per gli studenti. Per quanto riguarda le donazioni sono stati 26.483 gli euro raccolti grazie alla generosità degli umbertidesi grazie ai quali sono stati acquistati dispositivi certificati di protezione individuale per le esigenze delle strutture sanitarie del territorio.

Sono presidente del Gruppo da pochi mesi e mai mi sarei immaginato di affrontare una emergenza del genere – ha aggiunto LisettiLa mia fortuna è stata avere alle spalle delle persone fondamentali e spettacolari. Voglio ringraziare tutto il tessuto del volontariato umbertidese, con il quale abbiamo collaborato strettamente, tutti i cittadini, associazioni e aziende che con il loro cuore d’oro hanno dimostrato la loro vicinanza“.

35 eroi

In seguito sono stati dati nelle mani dei volontari degli attestati di ringraziamento da parte dell’Amministrazione Comunale e del Gruppo comunale di Protezione Civile per l’impegno, la capacità e la professionalità dimostrata nell’emergenza. Questi i nomi dei 35 volontari ai quali è stato consegnato il riconoscimento: Marco Broccoli, Marino Bruni, Salvatore Bussotti, Cesare Cecchetti, Silvia Cecchetti, Simona Cenci, Paola Cesari, Muriel Coletti, Remo Cordelli, Monica Cuccu, Valerio Fioretto, Elisa Falomi, Mario Gagliardini, Roberto Gamboni, Sonia Garlant, Roberta Girasoli, Angelo La Marca, Simona Lepri, Chiara Lisetti, Gabriele Lisetti, Susanna Marri, Giacomo Marchetti, Andrea Milletti, Onorato Milli, Franco Naticchi, Assia Ouachimi, Simone Pannacci, Giuseppe Paolucci, Ornella Pauselli, Marino Pettinari, Vittorio Picchio, Fabrizio Poiana, Cristina Rosini, Paolo Tosti, Gabriele Volpi.

Al termine della cerimonia si è svolto il taglio del nastro delle rinnovate sala operativa e cucina della sede del Gruppo Comunale di Protezione Civile, la cui messa a posto è stata possibile grazie all’impegno di alcuni membri dell’associazione.