Coronavirus: Reopen Italy, un piano per ripartire - Tuttoggi

Coronavirus: Reopen Italy, un piano per ripartire

1982kontepeters

Coronavirus: Reopen Italy, un piano per ripartire

Gio, 09/04/2020 - 12:17

Condividi su:


Coronavirus: Reopen Italy, un piano per ripartire
ROMA (ITALPRESS) – In questi giorni e’ aperto il dibattito su quale sia la migliore strategia per gestire la crisi legata al Covid-19 e rilanciare il Paese. Sul tema e’ intervenuto il fondatore e Ceo di Illimity Corrado Passera, la cui proposta, sintetizzata dal Sole 24 Ore, e’ un Piano d’Azione integrato, consultabile sul sito www.reopenitaly.it.
Un sito pensato per avviare un confronto costruttivo: chi desidera offrire il proprio contributo, puo’ sottoporre commenti e idee che potranno arricchire l’architettura del piano proposto da Passera. Un piano che parte da un presupposto: “La gestione della crisi sanitaria e la strategia di rilancio dell’economia sono inscindibili e vanno gestite non solo con una visione d’insieme di breve e medio periodo, ma soprattutto attraverso una regia unica, in grado di coordinarne tutte le responsabilita’”.
In questi giorni si inizia a parlare di fase 2, quando potranno essere allentate le misure restrittive in atto. Secondo Passera “non esistono scorciatoie: bisogna riaprire il piu’ presto possibile, ma a patto di aver messo il contagio sotto controllo e aver adeguato la capacita’ delle nostre strutture sanitarie. La data di riapertura dipendera’ da quello che si riuscira’ a realizzare sul fronte sanitario e non puo’ essere forzata perche’ il rischio di gravi ricadute sarebbe troppo alto”.
Per il manager “la riapertura puo’ essere anticipata dove possono essere garantite le condizioni minime di sicurezza. I dati e le statistiche che oggi utilizziamo non ci consentono ancora di conoscere la vera dimensione, evoluzione e dislocazione del contagio”. Serve quindi “un salto di qualita’ nella gestione centralizzata dei dati anche con un’app a livello nazionale in grado di ridurre i rischi individuali e di ottimizzare le politiche terapeutiche. Nel frattempo, la gestione degli acquisti sanitari deve passare per vie commissariali mentre si dovrebbe lavorare a un sistema diffuso di ‘telemedicina’ per i pazienti non acuti”.
Sul fronte dell’emergenza economica delle famiglie e delle imprese, per Passera “ben vengano moratorie bancarie, fiscali, previdenziali, cui vanno aggiunte le utenze, ma a chi perdera’ il proprio reddito, senza distinzione tra dipendenti e autonomi e su semplice autocertificazione, dovrebbe essere assicurato un sussidio di disoccupazione immediatamente liquidato. Al blocco dei licenziamenti deve corrispondere cassa integrazione ‘automatica’ per tutto il 2020 a garanzia della tenuta del tessuto sociale. Alle imprese colpite dalla crisi devono anche essere assicurati in tempi brevissimi prestiti bancari a lungo termine totalmente garantiti e a tasso zero per ammontari pari al 25-30% del fatturato del 2019”.
Secondo il banchiere “lo Stato dovrebbe iniettare liquidita’ nel sistema anche saldando lo scaduto accumulato con i propri fornitori”.
Guardando al medio periodo e alla fase di rilancio, Passera suggerisce “una forte accelerazione dei programmi di sviluppo di aziende virtuose con super incentivi fiscali a investimenti e assunzioni, ma anche specifico sostegno a quei settori, come le grandi opere, che possono velocemente attivare filiere rilevanti e a quelli piu’ colpiti dalla crisi, come il turismo, oltre che alle start up”.
Infine, secondo il fondatore e Ceo di Illimity, “per una crescita sostenuta e sostenibile in Italia e in tutta Europa serve una formidabile iniezione di investimenti pubblici e di incentivi agli investimenti privati. Un programma di alcuni trilioni di Euro per infrastrutture, innovazione e istruzione che possono essere gestiti e finanziati solo in modo ‘federale'”.
(ITALPRESS).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!