Coronavirus, Meccanotecnica Umbra sostiene il San Matteo degli Infermi di Spoleto - Tuttoggi

Coronavirus, Meccanotecnica Umbra sostiene il San Matteo degli Infermi di Spoleto

Redazione

Coronavirus, Meccanotecnica Umbra sostiene il San Matteo degli Infermi di Spoleto

Donati un ecografo e dispositivi di protezione per il personale
Gio, 02/04/2020 - 18:14

Condividi su:


Coronavirus, Meccanotecnica Umbra sostiene il San Matteo degli Infermi di Spoleto

COMUNICATO STAMPA

Emergenza Coronavirus: Meccanotecnica Umbra sostiene l’ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto

Donati un ecografo e dispositivi di protezione per il personale

Nella situazione di emergenza legata alla diffusione del Coronavirus, Meccanotecnica Umbra di Campello sul Clitunno si è mobilitata per rispondere alle esigenze espresse dell’ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto.

Nei giorni scorsi l’azienda di Campello sul Clitunno ha acquistato unecografo per il reparto di Cardiologia e dispositivi di protezione per i medici che operano al Pronto Soccorso della struttura ospedaliera spoletina. Il materiale è stato acquistato direttamente dall’azienda e donato ai reparti.

“La nostra azienda è fin dalla sua fondazione parte integrante del territorio– ha sottolineato Carlo Pacifici, amministratore delegato di Meccanotecnica Umbra – ci è sembrato naturale e giusto offrire il nostro contributo in modo utile e concreto. Ci troviamo ad affrontare una situazione inaspettata e straordinaria e crediamo che, anche in questo frangente, noi imprenditori siamo chiamati a mettere in campo il senso di responsabilità e la concretezza che ci caratterizza anche nella nostra attività”.

Meccanotecnica Umbra, fondata oltre 50 anni fa, è un produttore di rilievo mondiale di tenute meccaniche utilizzatenei settori dell’automotive e degli elettrodomestici oltre che in diversi altri settori industriali tra i quali quello chimico, farmaceutico, alimentare, cartario e minerario.

A fronte dell’emergenza sanitaria le imprese umbre si sono mobilitate singolarmente, e in sinergia con Confindustria Umbria, per sostenere il sistema sanitario della regione che ha bisogno di tutto il supporto della comunità regionale.


Condividi su: