Cooperazione sociale, sindacati e cooperative denunciano: "Le Asl non rispettano gli accordi" - Tuttoggi

Cooperazione sociale, sindacati e cooperative denunciano: “Le Asl non rispettano gli accordi”

Redazione

Cooperazione sociale, sindacati e cooperative denunciano: “Le Asl non rispettano gli accordi”

La denuncia di sindacati e centrali cooperative: danno enorme per 6000 lavoratori sociali e tutti i cittadini umbri
Dom, 03/05/2020 - 08:54

Condividi su:


Le organizzazioni sindacali e le centrali cooperative – Fp Cgil Umbria, Fisascat Cisl Umbria , Fpl Uil Umbria, Legacoopsociali Umbria, Federsolidarietà Umbria, Agci Solidarietà – chiedono alla presidente Tesei di fare quanto necessario per assicurare che le Asl rispettino senza ulteriori ritardi quanto concordato.

L’accordo

Abbiamo sottoscritto un accordo con la Regione – affermano i rappresentanti sindacali e delle cooperative – in base al quale in applicazione dell’Art. 48 del decreto Cura Italia, e della DGR 232 della Regione Umbria, i servizi di welfare sospesi a causa del COVID-19 sarebbero stati rimodulati dalle cooperative sociali e integralmente pagati dalle ASL. Questo accordo ad oggi non è applicato dalle ASL della nostra regione, che stanno disattendendo una legge dello Stato e si rifiutano di applicare gli accordi sottoscritti dalla Regione Umbria”.

L’accordo disatteso

Una situazione inaccettabile, per sindacati e centrali cooperative, che sta creando un oggettivo danno agli educatori e operatori sociali che si prendono cura di anziani, minori e disabili e si trovano ora senza lavoro e senza salario. “Una situazione che – aggiungono i rappresentanti di lavoratori e cooperative – sta anche danneggiando i cittadini della nostra regione che hanno il diritto di fruire nell’emergenza di servizi di welfare essenziali che non possono essere sospesi, ma che devono essere ripensati e riorganizzati. Servizi per i quali le Asl hanno già le risorse in bilancio”.

“Situazione inaccettabile”

Insomma, per sindacati e cooperative è “inaccettabile” che di fronte ad un quadro normativo chiaro ed a un altrettanto chiaro impegno politico assunto dalla Regione Umbria le ASL stiano “discriminando i lavoratori delle cooperative sociali e i fruitori dei servizi di welfare”.
Il 29 aprile scorso – concludono Fp Cgil Umbria, Fisascat Cisl Umbria, Fpl Uil Umbria, Legacoopsociali Umbria, Federsolidarietà Umbria, Agci Solidarietà – abbiamo segnalato con una lettera questa situazione alla Presidente Tesei, alla quale chiediamo un interevento immediato per garantire l’applicazione dell’accordo per i mesi di marzo ed aprile e per permettere la riorganizzazione dei servizi. È una questione vitale per migliaia di cittadini e lavoratori”. In caso di mancate risposte, sindacati e cooperative si dicono pronti ad “aprire vertenze e mobilitazioni in difesa dei diritti e della dignità dei lavoratori e dei cittadini”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!