Conti pubblici più chiari con il "Cruscotto" dei 42 indicatori della Regione - Tuttoggi

Conti pubblici più chiari con il “Cruscotto” dei 42 indicatori della Regione

Redazione

Conti pubblici più chiari con il “Cruscotto” dei 42 indicatori della Regione

Mer, 02/02/2022 - 08:54

Condividi su:


L'assessore competente, Paola Agabiti, commenta “Si tratta di una importante operazione di trasparenza per accesso ad informazioni”

Rendere accessibili e di facile lettura i dati relativi ai flussi finanziari pubblici a livello regionale derivanti dal Sistema Conti Pubblici Territoriali (CPT) a cui compete di misurare e analizzare le entrate e le spese pubbliche a livello regionale: è quanto si propone la Regione Umbria attraverso la costruzione di un “cruscotto” di 42 indicatori.

Il Cruscotto di indicatori, ideato e realizzato dal Nucleo CPT della Regione Umbria, fornisce una analisi territoriale delle entrate e delle spese del Settore Pubblico Allargato (SPA) composto da Pubblica Amministrazione (PA) e un Settore Extra PA comprensivo di quei soggetti, centrali e locali, che producono servizi di pubblica utilità e sono controllati direttamente o indirettamente da Enti pubblici. In Umbria si tratta di un universo che comprende circa 70 enti.

Il cruscotto di indicatori è pubblicato nella pagina CPT della Regione Umbria del sito Umbria in cifre.

“Si tratta – ha detto l’assessore regionale al bilancio Paola Agabiti – di una operazione di trasparenza nei confronti di più soggetti, dai cittadini alle imprese, dai soggetti economici e sociali ai media. L’utilizzo di dati e informazioni migliora il funzionamento della Pubblica amministrazione in quanto è un importante vantaggio competitivo in tutti gli ambiti e settori della PA.

Grazie all’uso di dati e informazioni è possibile supportare le scelte nella definizione delle linee programmatiche che la Regione intende perseguire e migliorare i processi della PA – ha aggiunto l’assessore. Si pensi per esempio ai sistemi di monitoraggio dei programmi operativi dei fondi europei, utili a verificare lo stato di avanzamento delle varie misure per intervenire ed eventualmente riprogrammare e riorientare le risorse verso altri progetti.

I dati sono infine un ottimo modo per analizzare i fenomeni e valutare le politiche pubbliche – ha concluso Agabiti. E’ anche questo un modo nuovo per rilevare, misurare e analizzare il progresso e la crescita economica di un territorio, in linea anche con le indicazioni che vengono dalla UE”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!