Concorso chirurgia Spoleto, Procura acquisisce atti - Tuttoggi

Concorso chirurgia Spoleto, Procura acquisisce atti

Redazione

Concorso chirurgia Spoleto, Procura acquisisce atti

Il direttore generale Fratini: "Siamo tranquilli, avviene quasi sempre". Sindaco Cardarelli: "I commenti del Tar non sono trascurabili"
Lun, 02/11/2015 - 12:31

Condividi su:


La Procura della Repubblica di Spoleto sta facendo accertamenti sul “noto” concorso per il primariato di chirurgia all’ospedale San Matteo degli Infermi. Nei giorni scorsi, infatti, la polizia giudiziaria ha acquisito la documentazione relativa al bando nella sede dell’Asl 2. A confermarlo è lo stesso direttore generale dell’azienda sanitaria, Sandro Fratini, che però si dice assolutamente tranquillo, come già evidenziato nei mesi scorsi, sulle procedure adottate. “Praticamente su ogni concorso che bandiamo assistiamo all’accesso agli atti da parte delle forze dell’ordine – spiega – questo perché su quasi ogni bando viene presentata una denuncia che poi porta ad accertamenti. Per noi è insomma una prassi, anche in questo caso”.

Non è dato sapere se l’acquisizione dei documenti, effettuata nei giorni scorsi, nasca da un esposto oppure se sia stata la stessa Procura ad avviarla dopo il gran clamore provocato dal concorso ed in particolare il pronunciamento del Tar dell’Umbria che, pur dichiarando improcedibile il ricorso che era stato presentato dal dottor Alberto Patriti (e poi ritirato), era comunque in qualche modo entrato nel merito della vicenda, evidenziando delle irregolarità nella scelta dei criteri di selezione. Di sicuro gli accertamenti preliminari – che potrebbero portare ad una vera e propria inchiesta oppure concludersi con un nulla di fatto – non sono partiti su input del Comune di Spoleto. L’amministrazione comunale, infatti, nei mesi scorsi aveva preannunciato di star valutando la presentazione di un esposto, cosa che però non aveva poi trovato seguito, come conferma il sindaco Fabrizio Cardarelli. “Se fosse vero che la Procura sta compiendo accertamenti, – evidenzia – di sicuro i commenti che ha fatto il Tar non sono assolutamente trascurabili, ma aprono dei forti dubbi su tutta la vicenda. Un dato è certo: ci era stato promesso un forte primariato specializzato nella chirurgia robotica e, pur non togliendo nulla ai meriti del vincitore, questa specializzazione non ha avuto l’importanza che ci aspettavamo avrebbe dovuto avere”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!