Colfiorito, chiuso il caso pavimentazioni grazie a fondi regionali e comunali - Tuttoggi

Colfiorito, chiuso il caso pavimentazioni grazie a fondi regionali e comunali

Claudio Bianchini

Colfiorito, chiuso il caso pavimentazioni grazie a fondi regionali e comunali

Si recupera la cifra risparmiata con il ribasso d'asta | In primavere ripartono i cantiere per sistemazione e sottoservizi
Mer, 14/06/2017 - 16:55

Condividi su:


A Colfiorito, il vero e totale completamento della ricostruzione post sisma, arriverà poco dopo il ventennale del terremoto. Per mettere un’ultima pietra sulle vicenda pavimentazioni – nel vero senso della parola – bisognerà infatti attendere presumibilmente la prossima primavera.

Ma, tutto sommato, è da considerarsi una bella notizia, proprio in questi giorni infatti – come annunciato sui social network dall’assessore ai lavori pubblici, Graziano Angeli – la Regione dell’Umbria ha deliberato uno stanziamento ad hoc, che permetterà di poter riprendere i lavori, e concludere finalmente l’opera.

“Purtroppo come Comune di Foligno siamo i primi ad essere stati danneggiati, e non sono certamente nostre le responsabilità – spiega Angeli – anzi, siamo i primi ad essere stati danneggiati. La ditta che aveva vinto la gara di appalto e quindi svolto i lavori di pavimentazione è fallita – ricorda l’assessore ai lavori pubblici – e nonostante tutti i tentativi legali, non siamo più riusciti a recuperare nulla. Ma abbiamo avuto un’intuizione, che ora si è rivelata ora strategica. Appare evidente che la ditta non ha eseguito i lavori a regola d’arte ma la Regione aveva stanziato 4 milioni e mezzo circa per le pavimentazioni e le finiture stradali di Colfiorito – spiega Angeli – aggiudicata poi con ribasso d’asta a tre milioni e 900mila euro con un risparmio di circa 600mila euro”.

Ecco allora che l’amministrazione comunale di Foligno ebbe l’idea di richiedere alla Regione dell’Umbria i 564mila euro risparmiati al fine di utilizzarli per il completamento e miglioramento dell’opera di ricostruzione della frazione.

“Ci hanno dato risposta positiva in questi giorni – conferma Angeli – ma considerando che ne occorreranno più o meno 640mila, come Comune di Foligno ne assegneremo ulteriori 76mila”.

A segnalare gli evidenti difetti dell’opera, fu la stessa Foligno Nuova che allora si occupava delle opere infrastrutturali, tanto che, a seguito di una lunga battaglia, venne data ragione all’amministrazione comunale folignate.

“Non voglio indicare una data esatta per l’avvio dei lavori – sottolinea l’assessore – anche perché rimetteremo mano anche ai sottoservizi. La procedura per l’assegnazione dell’incarico sarà avviata entro giugno, poi ci sono tempi legali e burocratici – conclude Angeli – e lavorare in pieno inverno sarebbe a dir poco inopportuno”.

Determinante per il buon esito della vicenda anche l’operato dell’assessore al bilancio ed alle partecipate, Elia Sigismondi.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!