Città della Pieve, censimento degli alberi monumentali

Città della Pieve, censimento degli alberi monumentali

Per la tutela dei lecci secolari del Parco della Rimembranza e l’area di Salci

share

Il nuovo anno inizia a Città della Pieve anche con il censimento degli alberi monumentali. Approvato dalla Giunta municipale il censimento frutto di un’indagine accurata sulla ricchissima vegetazione del territorio che va ad integrare l’elenco regionale istituito con la legge 28/2001 e relativo agli “alberi di rilevante e peculiare interesse per il loro valore culturale, storico, estetico, paesistico, scientifico e monumentale”.

Nel territorio comunale queste caratteristiche si hanno con i lecci secolari del Parco della Rimembranza, simbolo e memoria storica dei caduti della Grande Guerra e in una roverella nella zona di fondovalle verso Salci. Le piante del Parco si erigono a file parallele in uno dei viali più significativi del capoluogo che circonda il  Monastero di Santa Lucia. La roverella è invece ubicata in un tratto di strada bianca dell’ antico cammino della  Via “Romea Germanica” ed è stata probabilmente messa a dimora con la funzione di sostenere il bordo e la sede stradale e dare ombreggiatura ai passanti.

Il censimento arricchisce ulteriormente l’enorme patrimonio culturale di Città della Pieve. Così l’assessore all’Ambiente ed al Paesaggio, Catia Buiarelli: “Si tratta di una scelta che va al di là del valore botanico delle piante. Il censimento ha grande valore per la realtà pievese. Il Parco della Rimembranza è il ponte con il passato e la roverella di Fondovalle verso Salci rappresenta il carattere di l’ospitalità e di accoglienza nei confronti dei viandanti”.

Il pregio storico e culturale dei due luoghi risponde ad un preciso indirizzo di programmazione urbanistica paesaggistica che vuole per Città della Pieve la migliore vivibilità attraverso un indirizzo ecosostenibile.

share

Commenti

Stampa