Cento trattori della CIA in protesta al casello della A1 di Bettolle

Cento trattori della CIA in protesta al casello della A1 di Bettolle

Modifica della Legge 157/92 sulla caccia ed emergenza lupi | Il presidente Bartolini, “I decisori politici accolgano il nostro grido d’allarme”

share

Oltre 100 trattori si sono dati appuntamento al raccordo autostradale di Bettolle (SI) questa mattina 24 maggio per partecipare al sit-in che CIA Umbria, insieme a CIA Toscana, ha organizzato per accendere ancora una volta i riflettori sui danni causati agli agricoltori dalla fauna selvatica. Una vera e propria emergenza causata in primo luogo dai cinghiali, aumentati in misura spaventosa in tutto il Paese: da 50.000 capi nel 1980 a 900.000 nel 2010, fino a 2milioni nel 2019.

Solo in Umbria si contano poco meno di 1400 richieste di indennizzo nel 2017, di cui solamente il 70% vengono accolte. Il restante 30% si perde nel mare della burocrazia e non viene accettata. Oltre il danno, però, c’è anche la beffa dei risarcimenti ridicoli per i nostri agricoltori: circa 508 euro per ogni domanda. Una cifra che non copre nel modo più assoluto il danno subito e che mette l’agricoltore con le spalle al muro, costringendolo perfino a sospendere l’attività.

IL CASO “LUPI” DI ALLERONA

Oltre ai cinghiali, adesso sono i lupi a fare paura. Negli ultimi due mesi  un allevatore Cia, con sede ad Allerona, ha perso quasi 200 pecore: quattro differenti attacchi, tutti in un tempo molto ridotto tra loro, per un totale di circa 20 pecore sbranate dai lupi ad ogni attacco, ogni due settimane. In media, 3/4 pecore in meno al giorno. Ad agire non un solo lupo, ma un vero e proprio branco che ormai terrorizza agricoltori e allevatori di quelle zone dell’Umbria, con perdite ingenti. Di fatto, dopo ogni attacco la produzione del latte si arresta, perché il gregge soffre lo stress. Si conta quindi anche un danno indiretto, che per legge non può essere risarcito ma che, comunque, incide pesantemente sul bilancio aziendale. Come se non bastasse, la perdita è doppia in quanto non sempre si riesce a trovare la carcassa dell’animale sbranato e, senza il numero identificativo (solitamente sull’orecchio di ogni animale), l’allevatore non può avere diritto ad alcun tipo di risarcimento.

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE BARTOLINI

“La situazione non è più accettabile e degenera ogni giorno di più – ha detto dal palco Matteo Bartolini, presidente CIA Umbria – I decisori politici devono comprendere la situazione di emergenza in cui si trovano i nostri allevatori. La problematica è esclusivamente italiana: negli altri Paesi d’Europa l’animale che viene trovato sul territorio è di proprietà del titolare del terreno, mentre in Italia l’animale è sempre dello Stato e gli agricoltori si impegnano sarcasticamente ad alimentarlo, ma non possono abbatterlo”. Si parla tanto di biodiversità e made in Italy, ma poi chi presidia il territorio non viene tutelato in alcun modo. L’attuale legge, vecchia di ben 27 anni, deve essere modificata con urgenza. – ha concluso Bartolini – Non solo tutela, ma una più idonea gestione della fauna selvatica”. Presente alla mobilitazione anche l’On. Walter Verini (PD) a cui è stata consegnata la proposta CIA per la modifica alla Legge 157/92, e il quale dal palco CIA ha lanciato il suo personale sostegno, come membro del Parlamento italiano, alla battaglia degli agricoltori umbri e toscani.

LE PROPOSTE CIA IN 7 PUNTI ALLA LEGGE 157/92

CIA nazionale, come annunciato nel comunicato stampa, presenterà un’organica proposta di emendamenti alla Legge 157/92, non per esaurire o chiudere il dibattito, ma al contrario come base di discussione per favorire un confronto tra tutte le parti interessate a questa materia, con le Amministrazioni e le forze politiche.

1. Sostituire il concetto di “protezione” con quello di “gestione”. Il titolo della Legge, potrebbe pertanto diventare “Norme per la gestione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”. Oggi, rispetto al 1992, la situazione è completamente diversa. Accanto a specie da tutelare, infatti, ce ne sono altre in sovrannumero o addirittura infestanti. In questa ottica è necessario accrescere le procedure di controllo della presenza dei selvatici, valorizzando sia l’apporto di organismi scientifici competenti, sia la partecipazione democratica attiva delle diverse parti interessate.

2. Ricostituire il Comitato tecnico faunistico venatorio, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, partecipato dai Ministeri Mattm e Mipaaft, da Rappresentanti delle Regioni e delle Province Autonome, dai rappresentanti delle parti interessate e da alcune fondamentali istituzioni scientifiche. Nello stesso tempo, chiediamo che l’ISPRA, che  ha “assorbito” l’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, si articoli meglio sul territorio a supporto dell’azione di governo e programmazione delle Regioni.

3. Distinguere le attività di gestione della fauna selvatica da quelle dell’attività venatoria. Va rafforzato il ruolo delle Regioni e delle Province Autonome, che possono delegare competenze e responsabilità a strutture ed organismi subordinati. Vanno quindi ridisegnati e ridefiniti i compiti degli Ambiti territoriali di gestione faunistica e venatoria (al posto degli Ambiti territoriali di caccia), anche assicurando loro una natura giuridica meglio definita. Va sancito il principio che, in linea generale ma valutando caso per caso, le specie di recente ibridazione non sono da conservare, ma spesso da eradicare, per l’effettiva tutela delle specie autoctone.

4. Le attività di controllo della fauna selvatica non possono essere delegate all’attività venatoria. Il controllo, anche quando prevede l’abbattimento selettivo dei selvatici, deve essere svolto prioritariamente da personale pubblico e/o dagli addetti della vigilanza venatoria, oltre che dall’azione ordinaria della caccia selettiva. Deve essere prevista o rafforzata la possibilità di istituire personale ausiliario, adeguatamente preparato e munito di licenza di caccia, per essere impiegato dalle autorità competenti in convenzione.

5. Maggiore autotutela degli agricoltori. Gli agricoltori, sentito il parere dell’Ispra, devono poter essere autorizzati ad agire in autotutela, con metodi ecologici, interventi preventivi o anche mediante abbattimento con armi da fuoco, se muniti di licenza di caccia o se convenzionati con il personale ausiliario.

6. Risarcimento totale del danno. I criteri di determinazione dei danni, le procedure e i tempi del risarcimento devono essere omogenei sul territorio regionale. La gestione dei risarcimenti deve essere di spettanza delle Regioni e delle Province Autonome, che eventualmente possono delegare competenze e responsabilità o usufruire della collaborazione di organismi ed enti subordinati. Per i risarcimenti le Regioni si servono di fondi provenienti dalle tasse di concessione all’abilitazione dell’attività venatoria, eventualmente integrati con fondi propri.

7. Tracciabilità della filiera venatoria. Ai fini della sicurezza e della salute pubblica, deve essere regolamentato il principio secondo cui per tutti gli animali, specie per gli ungulati, la selvaggina non direttamente consumata dal cacciatore, ma in qualsiasi altro modo commercializzata ed immessa al consumo, deve essere tracciata e passare per i centri di raccolta autorizzati.

share

Commenti

Stampa