Castiglione primo Comune d'Italia che firma la Convenzione di Faro | Il sostegno di Faro Trasimeno

Castiglione primo Comune d’Italia che firma la Convenzione di Faro | Il sostegno di Faro Trasimeno

Redazione

Castiglione primo Comune d’Italia che firma la Convenzione di Faro | Il sostegno di Faro Trasimeno

Gio, 31/12/2020 - 12:47

Condividi su:


Castiglione primo Comune d’Italia che firma la Convenzione di Faro | Il sostegno di Faro Trasimeno

Il Comune crede nella valorizzazione del patrimonio culturale come bene comune | Sostegno anche dall'associazione di Castiglione, Piegaro e Paciano

Patrimonio culturale, Castiglione del Lago è il primo Comune d’Italia a sottoscrivere la Convenzione di Faro. La carta è stata ufficialmente sottoscritta nell’ultimo Consiglio Comunale di Castiglione del Lago, in data 29 dicembre 2020.

Sacco: percorso per valorizzare l’eredità culturale

“Diamo vita a un percorso che, ispirandosi ai principi della Convenzione di Faro, punta a un processo partecipativo di valorizzazione dell’eredità culturale – ha dichiarato la vicesindaco Andrea Sacco – che deve fondarsi sulla sinergia fra istituzioni pubbliche, cittadini privati e associazioni. Per questo, il Comune di Castiglione del Lago intende ispirare la propria azione amministrativa ai principi esposti nella Convenzione: in particolare, la Convenzione promuove il diritto dell’individuo a prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità ed è dovere di chi amministra creare le condizioni di accessibilità al patrimonio culturale”.

L’Associazione Faro Trasimeno

Il percorso sancito dalla ratifica da parte dell’Amministrazione comunale è stato concretamente già avviato dalla recente nascita dell’associazione Faro Trasimeno, creata da un gruppo di cittadini dei comuni di Castiglione del Lago, Paciano e Piegaro con l’intento di attivare una serie di azioni per promuovere quanto contenuto nella Convenzione di Faro e favorirne l’attuazione.

Il progetto intende diffondere una più ampia comprensione del patrimonio come bene comune, ponendo al centro le persone e le comunità del territorio del Trasimeno e Valnestore, coinvolgendole e incoraggiando l’innovazione sociale per aumentare la partecipazione civica e migliorare l’accesso all’eredità culturale in cui si identificano. Promuovere la valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale e naturale in tutti suoi aspetti e, in particolare, secondo la definizione che ne viene data nella Convenzione di Faro, sostenere l’idea che “la conoscenza e l’uso del patrimonio rientrino nel diritto di partecipazione dei cittadini così come definito dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!