Caso Capecchi, appello a Di Maio e Sereni

Caso Capecchi, appello a Di Maio e Sereni

Redazione

Caso Capecchi, appello a Di Maio e Sereni

Sab, 06/03/2021 - 12:36

Condividi su:


Caso Capecchi, appello a Di Maio e Sereni

Dopo l'ordine del giorno del Consiglio comunale, lettera al Ministero degli esteri per far tornare in Italia il fotografo arrestato in Perù

Il Consiglio comunale si muove per far tornare a casa Riccardo Capecchi, il fotografo castiglionese arrestato in Perù con l’accusa di traffico di droga. Accusa che il fotografo umbro, invitato in Sudamerica per un servizio fotografico, ha sempre respinto. Da Castiglione, appello al ministro Di Maio e al vice ministro Sereni, perché si interessino del caso di Capecchi.

Il Consiglio comunale di Castiglione del Lago ha approvato un ordine del giorno sulla situazione di Riccardo Capecchi, presentato dal gruppo di maggioranza su ispirazione del consigliere Paolo Brancaleoni che è anche presidente del comitato “Verità su Riccardo”.

Riccardo Capecchi

Con questo voto il Consiglio comunale impegna il sindaco e la Giunta ad attivarsi presso le istituzioni e autorità competenti, perché promuovano tutte le iniziative praticabili per il pronto ritorno in Italia del cittadino castiglionese Riccardo Capecchi.

L’ordine del giorno

Con questo voto il Consiglio comunale impegna il sindaco e la Giunta ad attivarsi presso le istituzioni e autorità competenti, perché promuovano tutte le iniziative praticabili per il pronto ritorno in Italia del cittadino castiglionese Riccardo Capecchi.

Nella premessa dell’Odg si mette in evidenza lo stato di indeterminatezza che genera inevitabilmente un altissimo stress psicofisico per Riccardo Capecchi e un’estrema afflizione per i familiari.

“Considerato che il nostro concittadino ha sempre proclamato con forza e determinazione la sua totale estraneità ai fatti contestati – prosegue il testo – rimarcando che la sua presenza in Perù era direttamente ed esclusivamente collegata alla sua attività pluriennale di fotografo professionista, ampiamente argomentando le sue difese, si evidenzia che Riccardo Capecchi è persona conosciutissima nell’ambito non solo di Castiglione del Lago, ma anche di vari territori limitrofi, tra cui, su tutti, quello di Magione ed è sempre stato estremamente attivo all’interno della nostra comunità come testimoniano l’appartenenza al gruppo scout, la lunghissima militanza nell’associazione folkloristica “Agilla e Trasimeno”, l’attività sportiva nel rugby con l’ASD “Old Rugby Umbria”, e tanti altri interessi sociali e culturali coltivati a Castiglione del Lago. Ravvisata la diffusa stima e l’alta considerazione della comunità castiglionese per le sue doti umane e professionali e precisando che la persona di Riccardo non è stata mai oggetto di contestazioni, rilievi o procedimenti di sorta, risultando egli, al contrario, soggetto assolutamente e correttamente inserito nel tessuto sociale di Castiglione del Lago”.

La giustizia peruviana

L’Odg si conclude con una parte più tecnica, curata nello specifico dall’avvocato Nicola Cittadini, che segue la vicenda in Italia e che è stato ringraziato anche dal presidente del Consiglio comunale Alessio Meloni. “Tra Italia e Perù sussistono da oltre vent’anni fattivi accordi di cooperazione giudiziaria ampiamente recepiti nelle relative leggi di ratifica. Pertanto, in tale ottica, stante la totale residualità della misura cautelare applicata a Riccardo, vi sarebbe assoluta sicurezza ed ampissime garanzie per il caso di suo ritorno in Italia, anche nella denegata ipotesi di avvio della fase giudiziale afferente alla vicenda qui descritta. Il protrarsi della permanenza di Riccardo Capecchi in territorio straniero, al di là dell’ovvio disagio per la sua salute psicofisica, sta comportando ingenti esborsi economici per la famiglia, prostrata da una situazione che la sta mettendo a durissima prova, sotto molteplici aspetti, da quasi due anni. Il perdurare della misura cautelare dell’obbligo di firma e il divieto di allontanarsi dal territorio peruviano, stanno di fatto inibendo a Riccardo la possibilità di lavorare, mantenersi, crescere professionalmente ed anche di costruire un percorso di vita strutturato con la propria compagna di vita. Vi sono tutti i presupposti, quindi, pur senza “entrare” più nel merito della vicenda processuale in questione, perché Riccardo, in attesa di conoscerne i futuri esiti, possa fare ritorno in Italia, accolto dalla sua famiglia, dalla sua compagna, dagli amici e dalla comunità intera. In tale direzione, nel totale rispetto delle autorità peruviane e nella piena collaborazione con esse, è necessaria una costruttiva mobilitazione dei rappresentanti politico-amministrativi locali, regionali e nazionali per sollecitare, nelle more delle decisioni sull’esito del citato procedimento, un ritorno in Italia di Riccardo”.

L’appello a Di Maio e Sereni

Venerdì il consigliere Paolo Brancaleoni, per conto del Consiglio comunale e del sindaco Matteo Burico, ha inviato una richiesta ufficiale al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, allegando la storia della vicenda e l’Odg appena approvato dal Consiglio comunale castiglionese: la pratica è già sulla scrivania del ministro Di Maio e della viceministra Marina Sereni.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!