Un cammino per unire abbazie di Montecorona e Fonte Avellana "Pronto entro fine estate" - Tuttoggi

Un cammino per unire abbazie di Montecorona e Fonte Avellana “Pronto entro fine estate”

Redazione

Un cammino per unire abbazie di Montecorona e Fonte Avellana “Pronto entro fine estate”

Dom, 26/06/2022 - 10:28

Condividi su:


Tra fine agosto e inizio settembre saranno presentate tutte le tappe e i percorsi "Per una riscoperta di luoghi religiosi importanti in modo lento e intimo"

Un cammino che unirà le abbazie di Montecorona e quella marchigiana di Fonte Avellana, per riscoprire luoghi sacri, santi, tradizioni e borghi.

E’ quanto illustrato nel corso del convegno “Valorizzare il passato per riscoprire il futuro. Da Montecorona a Fonte Avellana: eremi e società”, svoltosi giovedì 23 giugno al ristorante “L’Abbazia” di Montecorona. Il cammino, fortemente voluto dal Comune di Umbertide con il supporto dall’associazione Eticamente, è in fase di elaborazione e vedrà la luce tra la fine di agosto e l’inizio di settembre, con la presentazione di tutte le tappe e i percorsi.

Al convegno hanno preso parte il sindaco di Umbertide Luca Carizia, il presidente dell’associazione Eticamente Vincenzo Silvestrelli, l’abate Padre Giustino Farnedi dell’abbazia di San Pietro a Perugia, il priore dell’abbazia di Fonte Avellana Padre Gianni Giacomelli, l’editore Raffaele Monti e il presidente di Italia Nostra per la provincia di Perugia Luigi Fressoia.

Il cammino da Montecorona a Fonte Avellana – ha detto Silvestrelli, presidente di Eticamente – vuole riscoprire una tradizione poco conosciuta in Umbria anche se profondamente incisiva nel territorio di questa zona e dell’Appennino in generale, cioè quella benedettino-camaldolese. Questa tradizione ha contribuito a mutare profondamente i territori della zona, attraverso il miglioramento agrario. E’ stata una presenza millenaria, sia a Montecorona che a Fonte Avellana, unita da molte tradizioni comuni a partire dal fondatore dell’Ordine, ovvero San Romualdo, proclamatosi come fondatore di Montecorona, dell’abbazia di Sitria e di quella di Fonte Avellana. Sarà una riscoperta dei luoghi e dei valori di queste realtà che nel corso dei secoli sono diventati dei veri e propri punti di riferimento”.

Questa idea è nata perché abbiamo dei luoghi religiosi importanti, pieni di storia come l’abbazia di Montecorona e l’abbazia di Fonte Avellana, accomunati dalla figura di San Romualdo – ha detto il sindaco CariziaDa qui sono state poste le basi di far unire queste due meravigliose abbazie, in un modo lento e intimo, come appunto quello dei cammini, caratterizzati da pace, calma, tranquillità, con il pellegrino che compie questo percorso soprattutto per una conoscenza interiore”.

L’Abbazia di Montecorona

Secondo la tradizione sarebbe stato San Romualdo a fondare, nell’XI secolo, il monastero di San Salvatore di Monte Acuto. L’antica cripta seminterrata è di notevole valore artistico e culturale. E’ composta di un vasto locale diviso in cinque navate, con colonne di vari stili che sorreggono le basse volte. La chiesa superiore, a tre navate, di cui quella centrale è coperta a padiglione e con interessanti resti di affreschi, fu consacrata nel 1105; conserva un coro ligneo di buona fattura mentre al posto del grande altare originario, ora scomparso, è stato sistemato un antico ciborio (forse dell’VIII secolo). Interessante il campanile a pianta ottagonale e circolare, forse anticamente torre di difesa, con l’orologio restaurato alcuni anni fa.

L’Eremo di Montecorona

Dall´abbazia si può salire ai 705 metri dell´Eremo, lungo una strada immersa nel verde di macchie di faggi e castagni e punteggiata da edicole votive. Anticamente l´Eremo era collegato all´Abbazia da un sentiero detto ” la mattonata” , largo circa 2 metri e pavimentato a secco con blocchi di pietra arenaria, riaperto all´uso naturalistico per splendide passeggiate. L´Eremo è un antico monastero la cui costruzione risale al XVI secolo ad opera dei padri Camaldolesi e Coronesi.

L’Abbazia di Fonte Avellana

Nel territorio di Serra Sant’Abbondio (Pesaro e Urbino) sorge il monastero camaldolese di Santa Croce di Fonte Avellana, sovrastato dal massiccio imponente del Monte Catria (m. 1702). Da questo sacro eremo ricordato da Dante (Paradiso, c. XXI) che forse vi soggiornò dopo il 1310, ha ospitato figure rilevanti della Chiesa, tra cui si ricordano soprattutto San Romulado e San Pier Damiani.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!