Caccia in Umbria, ecco il Calendario venatorio

Caccia in Umbria, ecco il Calendario venatorio

Niente preaperture: con la crisi politica possono saltare del tutto | Date, specie e novità

share

Approvato dalla Giunta regionale il Calendario venatorio per la stagione 2019-2020, su proposta dell’assessore Fernanda Cecchini. “L’attività venatoria – sottolinea l’assessore – inizierà il 16 giugno con la caccia di selezione ai cervidi, mentre l’avvio generale della prossima stagione venatoria è fissato alla terza domenica di settembre che cade nella giornata del 15. Considerando che il nuovo Piano faunistico venatorio regionale è in itinere, le due giornate di preapertura che usualmente venivano effettuate nei primi giorni di settembre non sono state inserite in calendario“.

Un mancato inserimento delle due giornate di preaperture che era stato concordato per evitare ricorsi da parte degli ambientalisti, come avvenuto lo scorso anno. Per individuarle – questo era stato assicurato – successivamente, una volta determinato il Piano faunistico venatorio regionale. La crisi politica, con la possibilità concreta del voto anticipato, rischia a questo punto di far saltare del tutto le giornate di preapertura.

Le novità

Rispetto alle precedenti stagioni venatorie, inoltre, nel nuovo calendario venatorio sono stati limitati i carnieri del prelievo della tortora selvatica, a seguito dell’approvazione del Piano di Gestione nazionale, nel quale viene riconosciuto lo stato di difficoltà in cui versa la popolazione mediterranea della specie, come anche per alcune specie di avifauna acquatica.

Vengono invece confermati i periodi di prelievo delle specie cacciabili, previsti nell’atto di preadozione e già utilizzati nelle precedenti stagioni.

Dal 15 settembre al 30 dicembre 2019 si prevede che la caccia sia consentita alle seguenti specie: allodola, coniglio selvatico, fagiano, merlo, quaglia, starna, pernice rossa, silvilago. Dal 15 settembre 2019 al 30 gennaio 2020 a: alzavola, germano reale, marzaiola, colombaccio, cornacchia grigia, ghiandaia, gazza, beccaccia, beccaccino, canapiglia, cesena, codone, fischione, folaga, frullino, gallinella d’acqua, mestolone, moretta, moriglione, pavoncella, porciglione, tordo bottaccio, tordo sassello, volpe. Dal 15 settembre al 31 ottobre 2019 consentita la caccia alla tortora; dal 15 settembre al 30 novembre 2019 al fagiano femmina; dal 15 settembre all’8 dicembre 2019 alla lepre. Dal 6 ottobre 2019 al 5 gennaio 2020 al cinghiale nelle forme consentite.

Il calendario venatorio fissa inoltre divieti, giorni di caccia, orario della giornata venatoria, carniere, appostamenti, disciplina della caccia nei valichi montani (con relativo elenco) e nelle zone a protezione speciale, tesserino per l’esercizio venatorio, addestramento e allenamento cani (dal 18 agosto al 12 settembre 2019), disposizioni in materia di controllo delle specie, residenza venatoria, parchi naturali e aree contigue.

share

Commenti

Stampa