Caccia, fibrillazioni in maggioranza sul divieto a Bocca Trabaria

Caccia, fibrillazioni in maggioranza sul divieto a Bocca Trabaria

Redazione

Caccia, fibrillazioni in maggioranza sul divieto a Bocca Trabaria

Lun, 09/08/2021 - 12:15

Condividi su:


Mancini aveva chiesto un confronto con le associazioni per trovare una mediazione, poi nel Calendario adottato restano i tre valichi

Il divieto di caccia con l’istituzione del valico montano a Bocca Travaria (uno dei tre inseriti dalla Giunta regionale nel nuovo Calendario venatorio) crea tensione nella maggioranza.

Caccia, i consiglieri della Lega
contro il Calendario venatorio adottato

Il consigliere della Lega Valerio Mancini aveva espresso la propria contrarietà alla decisione di istituire nuovi valichi montani a Bocca Trabaria, Fossato di Vico e Carosina, sostenendo le ragioni delle associazioni venatorie che chiedevano di rinviare il provvedimento di due anni.

Il Calendario venatorio adottato

In Commissione sembrava essere stato trovato un compromesso, ma nel Calendario venatorio adottato dalla Giunta regionale i tre valichi sono stati inseriti, oltre alla soppressione delle preaperture. Scelte che Morroni ha giustificato con la necessità di adeguarsi alla normativa, per non incorrere nel rischio di incappare in ricorsi da parte degli ambientalisti.

Ringraziando anche le associazioni venatorie per il confronto e le scelte condivise. Cosa che ha fatto infuriare le stesse associazioni venatorie, che sul tema tortora, preaperture e valichi montani hanno sempre espresso la propria contrarietà, indicando soluzioni che, a loro giudizio, avrebbero comunque messo a riparo dai ricorsi.

“Tortora e valichi?
Noi sempre contrari”

Sui valichi, la scelta della Regione Marche ha dato sponda all’Umbria. Dove però non si è seguito quanto fatto dai vicini su tortora e preaperture.

L’adozione del Calendario venatorio senza il chiarimento con le associazioni chiesto da Mancini crea tensione in maggioranza tra Lega e Forza Italia.

Valichi, divieto di caccia in 942 ettari

L’istituzione dei tre valichi montani a Bocca Trabaria, Fossato di Vico e Carosina vieta l’attività venatoria in circa 942 ettari di boschi e prati. Con possibili conseguenze negative, argomentano i cacciatori, per la proliferazione dei cinghiali.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!