Caccia, così la firma con il Lazio | Contatto con la Toscana

Caccia, così la firma con il Lazio | Contatto con la Toscana

Redazione

Caccia, così la firma con il Lazio | Contatto con la Toscana

Mer, 06/10/2021 - 16:42

Condividi su:


I termini dell'accordo per l'interscambio di cacciatori e per le squadre al cinghiale | Si lavora anche per l'intesa tra Perugia e Firenze

Caccia, siglato l’accordo, già trovato nei giorni scorsi, per l’interscambio tra Umbria e Toscana. L’accordo firmato oggi (mercoledì) consente l’interscambio dei cacciatori per la stagione venatoria 2021/2022 che consente la mobilità fra i due territori, nel rispetto delle disposizioni dei calendari venatori regionali.

L’intesa, siglata dai rappresentanti dei due Assessorati regionali alla Caccia, è finalizzata ad un’equilibrata distribuzione dei cacciatori nel territorio. 

Così i cacciatori umbri nel Lazio

I cacciatori umbri, nei limiti delle quote ammesse dalla normativa regionale del Lazio, possono richiedere la residenza venatoria negli Atc (Ambiti territoriali di caccia) laziali e, previo pagamento della quota di accesso esercitare la caccia a tutte le specie consentite. Prevista anche la possibilità di chiedere l’iscrizione come secondo Atc nel Lazio. 

Dal Lazio 2950 cacciatori e 10 squadre al cinghiale in Umbria

La Regione Umbria ha riservato ai cacciatori provenienti dal Lazio 2950 posti ripartiti tra i tre Atc umbri per il conferimento della residenza venatoria e per il secondo Atc, ed ha ammesso complessivamente 10 squadre di cacciatori laziali per la caccia al cinghiale.  Gli accordi di dettaglio sono demandati agli Atc.  

Pacchetto di 20 giorni

L’accordo di interscambio stabilisce, inoltre, che i cacciatori del Lazio e dell’Umbria potranno usufruire di un pacchetto di 20 giornate per la caccia alla selvaggina migratoria nel rispetto dei limiti stabiliti dalle rispettive norme regionali, mediante un sistema di accesso, che sarà reciprocamente consentito per un numero massimo giornaliero di 1200 cacciatori.

Come fare

L’accesso in Umbria potrà essere prenotato ed autorizzato esclusivamente attraverso il sistema gestionale on line di mobilità venatoria della Regione. Reciprocamente, per le prenotazioni da parte dei cacciatori umbri che si recano in mobilità è attivo il sistema di prenotazione on line (messo a disposizione dall’Atc RI1).

Contatto per la Toscana

Passi avanti tra i due Assessorati sembra siano stati fatti anche per concludere l’accordo di interscambio tra Umbria e Toscana. Dopo che da Firenze era giunta la proposta di consentire l’accesso a un solo Atc al costo di 150 euro. Pretesa che pare sia stata rivista, dopo le proteste delle associazioni venatorie umbre. Nei prossimi giorni dovrebbe essere firmato anche l’accordo tra Umbria e Toscana.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!