Buona partecipazione al Convegno sul “Regolamento dei beni comuni” di Castiglione del Lago - Tuttoggi

Buona partecipazione al Convegno sul “Regolamento dei beni comuni” di Castiglione del Lago

Redazione

Buona partecipazione al Convegno sul “Regolamento dei beni comuni” di Castiglione del Lago

Ora la Commissione Beni Comuni redigerà il testo del regolamento, con la partecipazione di tutte le forze politiche, prima dell'approvazione
domenica, 17/11/2019 - 11:08

Condividi su:


Buona partecipazione al Convegno sul “Regolamento dei beni comuni” di Castiglione del Lago

Martedì sera, nella Sala del Consiglio comunale di Castiglione del Lago, si è svolto il convegno sul “Regolamento dei Beni Comuni”, in fase di approvazione e attuazione da parte della nuova Amministrazione guidata dal sindaco Matteo Burico e condiviso da tutte le forze politiche. Numerosa la partecipazione di cittadini, di imprenditori e dei rappresentanti delle associazioni dell’intero Comune, segno concreto che il tema è sicuramente di interesse a Castiglione del Lago.

Dopo i saluti del sindaco, ad introdurre il tema è stata Rosella Paradisi, presidente della Commissione Beni Comuni, che ha fatto il punto della situazione dei lavori fino ad oggi intrapresi in sede istituzionale e ha spiegato la necessità di questo convegno per far sì che il percorso di elaborazione sia il più possibile condiviso da tutte le forze e rappresentanze cittadine del territorio.

Molto apprezzati gli interventi della professoressa Alessandra Valastro, docente di Diritto Pubblico, Diritti fondamentali e Democrazia partecipativa del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Perugia promotrice, con l’associazione Labsus (Laboratorio per la sussidiarietà), di iniziative sui “patti di collaborazione” e sulla “amministrazione condivisa dei Beni Comuni”. Valastro ha sottolineato il senso profondo e di reale cambiamento di questo modello organizzativo, un paradigma gestionale nuovo, non autoritativo dove il rapporto tra cittadini e amministrazione, nel perseguimento interessi generali, assume una natura solidale, di alleanza, di innovazione e inclusione sociale, “di sovranità praticata”. Il tutto nel rispetto dei presupposti normativi e giuridici dell’amministrazione comunale.

«Chiarificatore l’intervento di Francesca Malafoglia, già vicesindaco e assessore con delega alla Partecipazione del Comune di Terni, dove ha promosso l’adozione del regolamento. Preziosa – ha dichiarato Rosella Paradisi – la sua testimonianza nel chiarire modalità di attuazione e criticità. Significativa la presenza dell’architetto Mauro Marinelli, responsabile dell’Area Urbanistica e Beni Pubblici del Comune di Castiglione del Lago a testimonianza della disponibilità, necessaria ed indispensabile, della struttura tecnica dell’ente a sostenere e condividere lo svolgimento delle procedure, se pur semplici, dei “patti di collaborazione”. Un grazie al consigliere delegato Paolo Brancaleoni che ha reso possibile un attivo e numeroso coinvolgimento delle tante associazioni del territorio».

Domande e stimoli provenienti dal pubblico hanno evidenziato la voglia di partecipazione e di collaborazione, la necessità di strumenti per superare ostacoli burocratici che a tutt’oggi condizionano la volontà di collaborazione di tanti cittadini. «Segno che i tempi sono maturi, che i cittadini hanno ormai acquisito consapevolezza dei ruoli, che i tanti beni pubblici possano già diventare “beni comuni” attraverso “la cura e la rigenerazione urbana”.

Con questa visione – ha concluso la presidente Paradisi – si continuerà in questo percorso/processo in uno spirito di condivisione, di ascolto per valorizzare relazioni, saperi e competenze diffuse sul nostro territorio. Anche Castiglione del Lago a breve potrà approvare il suo Regolamento sui Beni Comuni ed iniziare, con realismo ma anche con entusiasmo, ad attuare i “patti di collaborazione”, un vero e proprio “investimento” di rinnovata fiducia tra cittadini e amministrazione».

Ora la Commissione Beni Comuni redigerà il testo del regolamento, con la partecipazione di tutte le forze politiche, per passare infine all’approvazione finale del Consiglio comunale.


Condividi su:


Aggiungi un commento