Biomasse a Pian d'Assino: è polemica. “Tavolo istituzionale già attivo da un mese”

Biomasse a Pian d'Assino: è polemica. “Tavolo istituzionale già attivo da un mese”

share

Si accende la polemica dopo le dichiarazioni del consigliere regionale Manlio Mariotti a proposito dell'impianto a biomasse di Pian D'Assino. L'Amministrazione Comunale di Umbertide con una nota ha voluto precisare quanto segue: “Al consigliere Mariotti, che chiede l'attivazione di un tavolo con tutti i soggetti istituzionali, ricordiamo che il 10 giugno scorso il Consiglio Comunale ha approvato all'unanimità un ordine del giorno in cui si invitano “il Consiglio Provinciale e il Consiglio Regionale, anche attraverso i rappresentanti eletti che risiedono nel territorio e non, ad esprimersi sul caso specifico e più in generale a valutare anche opportuni interventi di revisione della normativa regionale vigente”; pertanto il tavolo istituzionale è attivo già da un mese, anzi ci aspettiamo che presto produca qualche risultato concreto!
In merito all'atteggiamento contraddittorio di cui parla Mariotti evitiamo di rispondere, dal momento che lo abbiamo già fatto, anche sulla stampa, ripercorrendo punto per punto i vari passaggi istituzionali con le relative responsabilità di ciascun Ente. L’ Amministrazione Comunale, come confermato anche sulla stampa da esponenti di altri partiti, ha seguito correttamente il percorso tracciato dal Consiglio Comunale, anzi ha fatto molto di più in quanto ha avviato il percorso di modifica delle norme tecniche di attuazione del PRG. Quindi abbiamo fatto passi concreti, reali, approvando ordini del giorno precisi ed impegnativi per il Comune; non ci risulta che la Provincia e la Regione abbiano adottato ordini del giorno simili proposti dai vari rappresentanti intervenuti sulla vicenda, che invitiamo, analogamente a quanto fatto da referenti politici di altri partiti, a presentare mozioni all’interno dei rispettivi consigli.
Si ricorda inoltre che ogni Ente è chiamato ad esprimersi in base alle proprie competenze e che i pareri non devono seguire un ordine sequenziale (a parte quello di ARPA e Provincia). Si ribadisce pertanto che il via libera definitivo alla realizzazione dell'impianto alimentato a biomasse, al di là del volerne fare un elemento di confusione ai soli fini di visibilità politica, non sta nelle competenze dell'Amministrazione Comunale di Umbertide.
Il Consiglio Comunale, in maniera coerente e all'unanimità, ha espresso la sua contrarietà alla realizzazione dell’impianto a syngas di Pian d’Assino, recependo e facendo proprie le ragioni e le motivazioni esternate dai cittadini e dal Comitato e di conseguenza, l'Amministrazione Comunale si è mossa altrettanto coerentemente, nel rispetto delle leggi e dei regolamento vigenti di livello superiore.
Chiediamo pertanto nuovamente al consigliere Mariotti di farsi portavoce a livello regionale della discussione finalizzata ad aggiornare la pianificazione energetica regionale, focalizzando la propria attenzione sul sito di Pian D'Assino rispetto al quale il Consiglio Comunale di Umbertide si è espresso con chiarezza e determinazione nei confronti dei cittadini”.

Articolo correlato: “No” alla centrale a biomasse di Pian d'Assino: il comune approva un'odg

Biomasse, Comune Umbertide e Comitato Pian d’Assino insieme su questione impianto energia alternativa

Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa