Banche, ricerca SWG-UBI: aziende italiane chiedono sistema plurale - Tuttoggi

Banche, ricerca SWG-UBI: aziende italiane chiedono sistema plurale

ItalPress

Banche, ricerca SWG-UBI: aziende italiane chiedono sistema plurale

Lun, 22/06/2020 - 15:02

Condividi su:


MILANO (ITALPRESS) – Le aziende italiane preferiscono un sistema bancario plurale che vede nell’assetto concorrenziale un valore fondamentale per garantire maggiori opportunità in termini di accesso al credito, costi e velocità di risposta. A confermarlo è una ricerca di Swg commissionata da Ubi Banca, condotta su un migliaio di aziende italiane di tutte le dimensioni.
Se da un lato eventuali processi di aggregazione tra soggetti bancari potrebbero portare – secondo l’opinione di poco meno del 60% delle imprese interpellate – a un miglioramento del grado di efficienza delle banche e stabilità del sistema creditizio in generale, dall’altro il 74% delle Pmi del campione intervistato ritiene preferibile avere più banche a disposizione per le necessità legate alla propria attività. Una percentuale che sale all’87% nelle grandi aziende e che invece scende al 54% tra le micro imprese.
La quasi totalità delle aziende italiane (il 91% delle grandi e l’86% delle medio piccole) ritiene che una maggiore concorrenza bancaria sia necessaria per consentire alle imprese di avere maggiore facilità di accesso al credito e diversificare il rischio di credito. La concorrenza, per la stragrande maggioranza degli interpellati, permette la comparabilità fra prodotti e condizioni offerti dagli intermediari, consentendo anche alle imprese di operare scelte consapevoli.
Quanto invece alla concentrazione del settore, per il 67% delle grandi aziende la presenza di pochi e grandissimi gruppi in Italia rafforzerebbe la stabilità del nostro sistema bancario, dando anche alle imprese maggiore sicurezza. La pensano allo stesso modo il 57% delle pmi e il 56% delle micro imprese del campione. Per il 66% delle grandi aziende, la presenza di pochi e grandissimi gruppi consentirebbe di efficientare e ridurre i costi anche per le imprese.
Infine, il 64% delle Pmi interpellate ritiene la solidità un criterio molto importante, percentuale che scende al 57% per le micro imprese e al 54% per le grandi.
(ITALPRESS).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!