Australia, il racconto di Feliciana: "Il paese non è più un Eden"

Australia, il racconto di Feliciana: “Il paese non è più un Eden”

Alessandro Orfei

Australia, il racconto di Feliciana: “Il paese non è più un Eden”

Feliciana Menghini si trova nel paese, a distanza dai fuochi, e racconta la sua esperienza
Gio, 09/01/2020 - 12:58

Condividi su:


Australia, il racconto di Feliciana: “Il paese non è più un Eden”

Sono ancora sotto gli occhi di tutti le scene dei boschi divorati dalla fiamme, delle case che restano solo scheletri e del terrore negli occhi delle persone che sono riuscite a scappare. L’Australia è diventata una vera emergenza e ha macchiato come una tragedia l’inizio del 2020.

La testimonianza

In questo periodo c’è anche una nocerina, in terra d’Australia. Feliciana Menghini e suo marito sono infatti in quella zona per andare a trovare il figlio, che vive e lavora lì. “Mi trovo a nord di Sydney – racconta – e qui la situazione è tranquilla e vacanziera. E’ estate, le scuole sono chiuse e tutti si trovano al mare. La televisione e i giornali sono sempre sull’emergenza. Molti sostenitori dei Vigili del fuoco donano denaro, come per i Centri di accoglienza per gli animali”. Vera emergenza è anche quella degli sfollati: “Lo Stato sta gestendo tutto ed è una grande tragedia per il Paese, con una percezione che probabilmente cambia a seconda delle distanze rispetto ai fuochi”. Non mancano i risvolti politici: “Il primo ministro sembra in difficoltà perché preso di mira dalla satira. Di certo il Paese ha perso l’idea di essere un grande Eden”.

La mobilitazione

Non tutta l’Australia è in fiamme, ma sicuramente non c’è un angolo dell’isola che non sia toccata dal tema. Ogni persona soffre e vede bruciare la propria terra, la propria Patria, oltre ovviamente ai frutti del proprio lavoro. Feliciana si trova nella periferia di Sydney e non mancano iniziative per il territorio. “Oggi – racconta Feliciana – gli incassi degli acquisti che svolgevi nei negozi venivano devoluti per sostenere le attività dei vigili del fuoco, che in questi giorni sono stati dei veri angeli custodi e hanno gestito, quasi esclusivamente, la fase dell’emergenza. Un’intera nazione dunque a sostenere chi ha perso tutto, ad iniziative da chi ha perso i propri cari e la propria casa. Una grandissima gara di solidarietà che vede tutti coinvolti, ognuno nel proprio campo”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!