APERTI I LAVORI DELLA I^ GIORNATA DI STUDI DEL CONVEGNO SULLA SCLEROSI MULTIPLA A CASCIA - Tuttoggi

APERTI I LAVORI DELLA I^ GIORNATA DI STUDI DEL CONVEGNO SULLA SCLEROSI MULTIPLA A CASCIA

Redazione

APERTI I LAVORI DELLA I^ GIORNATA DI STUDI DEL CONVEGNO SULLA SCLEROSI MULTIPLA A CASCIA

Ven, 25/03/2011 - 17:45

Condividi su:


Si è conclusa con grandi risultati e ottimi propositi, la prima giornata scientifica sulla sclerosi multipla in Umbria, svoltasi a Cascia il 25 Marzo con l’organizzazione di un convegno medico, incentrato sulla presa in carico clinico- riabilitativa del paziente secondo i più recenti aggiornamenti. L’evento, che ha registrato una straordinaria risonanza, sia nel campo medico che in quello sociale, grazie ad un’ampia e attiva partecipazione da parte di medici, fisioterapisti, psicologi e neurologi da tutta Italia, incarna perfettamente i principi di sensibilità, competenza professionale e ricerca interdisciplinare, che sempre più sono da impiegarsi al servizio del malato, a tutela del suo inviolabile diritto alla salute.
L’incontro è stato aperto dai saluti del Sindaco del Comune di Cascia, il Prof. Gino Emili, che, sottolineando la capillare attenzione rivolta dall’amministrazione comunale alla patologia, ha evidenziato come Cascia e il reparto di riabilitazione neuro- motoria dell’ospedale “Santa Rita” realizzino totalmente la necessità di solidarietà e accoglienza verso il malato. “ Vista la radicale importanza di un approccio professionale collaborativo – ha dichiarato il primo cittadino – mi auguro di poter continuare a sostenere e realizzare nel futuro altre iniziative in quest’ottica, perché confronto, ricerca e uno studio sempre aperto a nuove conoscenze sono fondamentali per superare le angosce di questa malattia ”. Non potevano, poi mancare i ringraziamenti all’Asl 3 dell’Umbria e a tutti coloro che si sono adoperati per la realizzazione del convegno, anche alla Comunità Agostiniana di Cascia e al Nobile Rione Giotti di Foligno per il sostegno offerto. A ribadire l’augurio del Sindaco Emili, per un futuro sempre più diretto a queste problematiche, è seguito l’intervento della Dott.ssa Maria Gigliola Rosignoli, Direttore Generale della Asl 3, che ha dichiarato: “ Il nostro comune obiettivo è far sì che questa giornata diventi un incontro annuale in cui confrontarsi criticamente sulle metodologie, non solo terapeutiche ma anche riabilitative e di presa in carico del paziente, per mirare a diventare un’eccellenza con una qualità superiore di assistenza e cura alla sclerosi multipla ”. In questo – ha concluso – il centro riabilitativo di Cascia rappresenta una fucina di idee e di sperimentazione continua ”.
A questa prima parte introduttiva, è poi seguita la discussione scientifica sulle tematiche mediche, sia nell’ambito assistenziale che farmacologico. In particolare ciò che è emerso dai numerosi interventi, gestiti da tutte le figure professionali coinvolte, infermieri, fisioterapisti, neurologi e psicologi provenienti dalle varie aziende sanitarie del territorio umbro e non solo, è la crescente importanza dell’approccio assistenziale alla malattia, che nel suo evolversi temporale, dal 1400 con la scoperta del primo caso di sclerosi multipla ai più recenti e innovativi studi, ha portato un miglioramento progressivo della prospettiva e della qualità di vita del paziente. Inoltre, si sono analizzati gli elementi costitutivi della patologia, tra cui, in primis lo stretto legame con l’ambiente, come possibile fattore patogenetico e preventivo, e la componente terapeutica e farmacologica, con l’esame dei diversi farmaci esistenti e delle novità in materia. Infine, piene di spunti e riflessioni, sono state, da una parte l’analisi dell’innovativa esperienza riabilitativa del centro dell’ospedale di Cascia, in merito alla riabilitazione cognitiva e alla fisioterapia e dall’altra la discussione incentrata sul paziente, quindi sul mantenimento dell’autonomia e sull’integrazione sociale, in un’ottica interattiva che punti alla diminuzione della distanza tra tutti gli operatori e la figura del malato, rendendo quest’ultimo sempre più parte attiva nel processo di cura. Lodevolmente raggiunto, dunque, è stato l’obiettivo principe della giornata, organizzata dall’Asl 3 dell’Umbria e dal Comune di Cascia per incoraggiare e sostenere la collaborazione scientifica e per sensibilizzare maggiormente sulla patologia, il tutto all’ombra della profonda spiritualità della città di Santa Rita, simbolo indiscusso di fede e accoglienza.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!