Antenna Padule, Stirati emette ordinanza "Nuovo stop ai lavori" (Aggiornamenti) - Tuttoggi

Antenna Padule, Stirati emette ordinanza “Nuovo stop ai lavori” (Aggiornamenti)

Davide Baccarini

Antenna Padule, Stirati emette ordinanza “Nuovo stop ai lavori” (Aggiornamenti)

Ancora un dietrofront, il sindaco di Gubbio ferma il cantiere come promesso ieri ai cittadini | Comitato No Antenna esulta
Gio, 17/12/2015 - 13:09

Condividi su:


Antenna Padule, Stirati emette ordinanza “Nuovo stop ai lavori” (Aggiornamenti)

Aggiornamento ore 16.30

Il sindaco Filippo Mario Stirati, con l’apposita ordinanza emanata questa mattina, ha sospeso l’attività connessa all’installazione della stazione radio base per telefonia cellulare Wind. L’ordinanza è stata trasmessa alla medesima società, con effetto immediato di sospensione di ogni attività e dei relativi lavori, in riferimento alla stazione prevista nella frazione di Padule, fino a quando non saranno effettuate le valutazioni tecnico-istruttorie sull’area sotto tutti gli aspetti.

La decisione è stata presa tenendo conto delle vive proteste della popolazione della località circa l’installazione dell’impianto, affermando che si palesa lesivo del diritto alla salute dei cittadini residenti per emissioni elettromagnetiche. “Ho attivato i poteri consentiti dalla legge – commenta il sindaco – visto anche il crescere della tensione fino ad arrivare, nella giornata di ieri, a problemi di ordine pubblico. Le lamentele sono state espresse dalla popolazione ad ogni livello, mediante incontri, raccolte di firme, manifestazioni pubbliche anche particolarmente accese. E’ mio interesse tutelare la pace dei cittadini, che vedono lesa la tranquillità della loro vita dall’installazione“.

Come Comune, stiamo predisponendo un Piano per la telefonia mobile, valutando, anche per l’immediato, siti alternativi di proprietà pubblica, e la ditta ha interloquito con l’amministrazione in questo senso, dichiarandosi disposta a soluzioni alternative. Nonostante ciò, ha ripreso i lavori, mostrando così di non voler attendere affatto il piano comunale né di voler rinunciare ad avvalersi del titolo abilitativo maturato a proprio favore.

E’ peraltro innegabile che oggettivamente dette apparecchiature, per dati scientifici e leggi fisiche, producono emissioni elettromagnetiche e radioelettriche, così che spetta ad ogni cittadino la possibilità di constatare che l’autorizzazione abbia accertato e verificato non solo un generico rispetto della legge, ma anche la concreta dimostrazione che l’impianto non abbia a produrre danni o pericoli per la salute pubblica. Inoltre, – aggiunge il sindaco – dagli atti del procedimento non si evidenzia alcun tipo di tutela preventiva, né limitazione alcuna alle emissioni, né un parere afferente la salute, neanche a livello cautelativo. Infine, non risultano neppure prescrizioni circa i limiti di altezza dell’impianto che, per la sua rilevantissima mole, potrebbe ospitare un numero elevato di antenne generatrici di ulteriori emissioni che andrebbe a determinare la sommatoria delle emissioni stesse senza preventiva valutazione degli organi competenti. Per tutte queste ragioni, – conclude Stiratici siamo mossi d’urgenza, ritenendo indispensabile la più ampia partecipazione possibile e un’informazione adeguata della popolazione, in linea anche con il ‘principio di precauzione’ definito dal trattato Europeo”.

Intanto il presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Biancarelli ha convocato l’assemblea cittadina in sessione urgente per domani (venerdì 18 dicembre) alle ore 15, presso la Sala Consiliare in Piazza Grande, per la discussione dell’unico argomento iscritto all’ordine del giorno, quello riguardante la situazione e le determinazioni relative all’installazione dell’antenna.

———-

Si aggiunge un’altro capitolo all’incredibile vicenda relativa all’antenna di Padule. Il sindaco Stirati, infatti, dopo aver parlato, ieri pomeriggio, con i residenti e i membri del Comitato No Antenna, nell’area dove senza preavviso e alquanto inaspettatamente erano ripresi i lavori, questa mattina ha ufficialmente emesso l’ordinanza di sospensione dell’intervento per l’installazione del mega traliccio Wind.

Una doppia vittoria per i cittadini e il Comitato che, oltre ad aver visto momentaneamente realizzate le sue richieste, finalmente ha anche ricevuto un segnale importante dalle istituzioni. Resta ora da vedere quale sarà il prossimo capitolo di questa intricata questione. Proprio per domani (venerdì 18 dicembre), inoltre, i consiglieri comunali Luca Barilari, Ennio Palazzari, Virna Venerucci, Francesco Gagliardi, Pavilio Lupini e Marco Cardile avevano richiesto al Comune la convocazione urgente di una seduta del Consiglio comunale interamente dedicata al problema.

Per domenica 20, infine, residenti e membri del Comitato hanno in programma un corteo-passeggiata per ribadire il loro No all’Antenna.


Condividi su:


Aggiungi un commento