Andrea Chiampo, dopo la Quixel l’artista “cattura” Schwetzingen / Sognando Los Angeles  

Andrea Chiampo, dopo la Quixel l’artista “cattura” Schwetzingen / Sognando Los Angeles  

Le opere scelte da Marziani conquistano la citta tedesca / L’artista digitale presto alla “Gnomon School”

share

Che la sua arte meritasse di esser tenuta d’occhio lo si era compreso prima ancora che terminasse gli studi alla rinomata IAAD di Torino (l’istituto d’arte applicata e design), giusto un anno fa. E lo aveva compreso anche la  3d Artist Magazine, rivista internazionale di arte specializzata che aveva premiato una delle sue creature digitali. Ma la carriera di Andrea Chiampo, 23 anni, nato a Vicenza ma che sin da bambino ha vissuto e studiato a Spoleto, sembra davvero destinata a tagliare traguardi sempre più ambiziosi. Prova ne è il successo alla mostra collettiva in corso a Schwetzingen, in Germania, dove le sue opere – scelte dal direttore di Palazzo Collicola Gianluca Marziani per il 10mo anniversario del gemellaggio con la città del festival – stanno ottenendo un grande successo di pubblico e critica. Due immagini digitali (Knight e Nasowl, guarda la photogallery) selezionate tra quelle fin qui create dall’artista spoletino. L’occasione della mostra è peraltro arrivata pochi giorni dopo che la Quixel, la famosa società specializzata nella creazione di videogame e film, gli ha chiesto di usare la sua scultura digitale “Batman” nel video promo 2015. Per il momento Andrea Chiampo si divide tra il lavoro artistico e quello di Product Designer che lo vede impegnato nella creazione di collezioni di gioielli in metalli preziosi. E così fino a settembre, quando partirà per Hollywood, Los Angeles, per frequentare la prestigiosa “Gnomon school of visual effects” che gli consentirà di specializzarsi nel disegno di concepts per videogames e film.

Riproduzione riservata

Foto Andrea Chiampo©

share

Commenti

Stampa