AMBIENTE QUALE FUTURO ?

AMBIENTE QUALE FUTURO ?

share

Di eco-efficienza e di compatibilità ambientale si è parlato nel convegno “Ambiente, questo futuro?” organizzato da Coop Centro Italia e tenutosi a Perugia presso il Salone d'Onore di Palazzo Donini. “Siamo un'impresa che nel proprio statuto ha scritto la sua missione – ha affermato Giorgio Raggi Presidente Coop Centro Italia, aprendo il convegno – che è quella di promuovere la responsabilità sociale delle imprese per un mercato rispettoso della persona e dell'ambiente. Cerchiamo di essere coerenti con questa missione con i fatti e non con le parole”. Dopo aver brevemente illustrato i vari ambiti nei quali si esplica l'impegno di Coop per l'ambiente (su tutti, l'installazione di un impianto fotovoltaico da 432.000 kw/h, presso il magazzino di Castiglione del Lago), ha anche presentato il progetto didattico che Coop avvierà all'inizio del 2008 insieme alle scuole secondarie di secondo grado con lo scopo di far crescere nei giovani una coscienza civile di tutela dell'ambiente.

Al centro della relazione di Mario Tozzi, geologo e ricercatore del CNR, noto al grande pubblico per la conduzione su Rai 3 di “Gaia – il Pianeta che vive” e “Terzo Pianeta”, il ciclo dei rifiuti e i sistemi di recupero. “Il riciclaggio dei rifiuti è sicuramente la via maestra per inquinare meno e risparmiare materie prime ed energia. In questo senso, specialmente in Italia, si può lavorare molto, sia in termini di raccolta differenziata che di riuso. Ma l'opzione più intelligente e più eco-compatibile è quella di produrre meno materiale residuale all'origine, a partire dagli imballaggi, che costituiscono  circa il 40% in peso e il 60% in volume di tutti i rifiuti solidi urbani. Esiste poi la necessità di arrivare all'uso consapevole delle merci e al superamento della logica usa e getta. Questo significa un'inversione di rotta e un mutamento delle nostre abitudini”.

share

Commenti

Stampa