ALL'AUDITORIUM DI FOLIGNO UNA VEDOVA ALLEGRA DI SUCCESSO - Tuttoggi

ALL'AUDITORIUM DI FOLIGNO UNA VEDOVA ALLEGRA DI SUCCESSO

Redazione

ALL'AUDITORIUM DI FOLIGNO UNA VEDOVA ALLEGRA DI SUCCESSO

Mar, 08/01/2008 - 09:31

Condividi su:


L'Auditorium San Domenico di Foligno ha accolto ieri pomeriggio con fragorosi e ripetuti applausi gli artisti che hanno eseguito la famosa operetta di Franz Lehàr, “La Vedova Allegra”, in una produzione organizzata dagli Amici della Musica di Foligno, in collaborazione con l'Amministrazione comunale. A condurre nella trama le diverse partiture della Vedova Allegra, sono state le voci di artisti di primissimo piano dell'operetta nazionale ed internazionale. A cominciare dalla straordinaria Daniela Mazzucato (Hanna Glawari), in questi giorni protagonista di Vedova Allegra al Teatro dell'Opera di Roma con la direzione di Daniel Oren, per giungere a Elio Pandolfi (Njegus), maestro indiscusso dell'operetta, e Max René Cosotti (Camille de Rosillon), ora a Cagliari per Orfeo all'Inferno di Offenbach. Con loro, a rendere lieve e accattivante lo spirito del lavoro di Lehàr, la folignate Maura Menghini (Valencienne), Giorgio Gatti (il barone Mirko Zeta), Carlo Riccioli (il conte Danilo Danilovic), Gabriele Mangione (il visconte Cascada), Sergio Maccabei (Raoul de St-Brioche) e il Gruppo vocale “J. Hoffenbach”. Al pianoforte, il nuovissimo e prezioso grancoda Fazioli dell'Auditorium, il pianista Marco Scolastra, anc'egli accolto da calorosi applausi. L'adattamento dei dialoghi è stato di Gianni Gori. In apertura di concerto, a sottolineare l'impegno dell'Associazione Amici della Musica di Foligno, è intervenuta la sua Presidente, Ambra Ciccolari. Nel duo breve saluto di buon augurio per il nuovo anno, il sindaco di Foligno, Manlio Marini, ha rivolto il suo pensiero “a tutti i folignati, in particolare – ha detto – a coloro che versano in precarie condizioni di salute o che hanno difficoltà economiche”. Al termine, tutti gli artisti sono stati ripetutamente chiamati in scena per un meritato tributo in applausi da parte del folto pubblico dell'Auditorium S. Domenico.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!