Albergatori e ristoratori del Trasimeno lanciano appello alla politica, "Servono azioni immediate e coordinate" - Tuttoggi

Albergatori e ristoratori del Trasimeno lanciano appello alla politica, “Servono azioni immediate e coordinate”

Redazione

Albergatori e ristoratori del Trasimeno lanciano appello alla politica, “Servono azioni immediate e coordinate”

Dom, 13/02/2022 - 08:30

Condividi su:


Programmazione e azioni immediate e un protocollo d'intesa. “Noi coinvolgiamo turisti e visitatori e promuoviamo il comprensorio con rischio di impresa"

“La stagione turistica 2022 è praticamente alle porte e la situazione al lago Trasimeno è preoccupante sotto molti aspetti”.

È diretto l’appello di Michele Benemio, presidente del Consorzio Urat (Unione ristoratori e albergatori del Trasimeno), alla politica per mettere in atto, tutti insieme, operatori del settore, amministratori e politici, provvedimenti per tenere sotto controllo e cercare di risolvere i gravi problemi che affliggono il comprensorio lacustre da troppo tempo. Il livello del lago scende, attualmente è -95, e con il perdurare della siccità la situazione è in peggioramento.

Servono, a questo proposito, interventi strutturali a lungo termine – partendo dalla diga di Valfabbrica – per arrivare alla stabilizzazione del livello; una serie di interventi di manutenzione programmati e continuativi da subito, come il taglio delle alghe, i dragaggi, la pulizia di darsene e sponde, una seria lotta per il contenimento dei chironomidi. È anche indispensabile uno strumento straordinario, come un protocollo d’intesa, che possa permettere ai gestori delle spiagge, nella prossima estate, di togliere alghe, rifiuti e in generale di ripulire le sponde senza essere multati. È necessaria anche una diminuzione della tassa demaniale, viste le condizioni del lago. Inoltre è importante che venga rispettata e valorizzata la vocazione turistica del territorio, evitando progettualità e azioni in contrasto con tale principio”.

La stagione alle porte si presenta piena di incognite e di problemi, anche perché oltre a quelli legati alla realtà locale si aggiungono quelli nazionali, legati all’aumento vertiginoso delle bollette e delle materie prime. Ci sono poi progetti importanti per il territorio, mai portati a termine: da anni, ad esempio, si parla di pista ciclabile, che però ancora non è stata portata a termine e nella parte già a regime per lunghissimi tratti non è stata ancora asfaltata (cosa fondamentale per diventare un vero attrattore), è maltenuta e con segnaletica assolutamente insufficiente.

Noi operatori pensiamo a coinvolgere i turisti – conclude il Presidente Benemio come abbiamo sempre fatto. In sostanza, a commercializzare le nostre strutture e il comprensorio ci pensiamo da soli. Ma c’è una parte importante sulla quale, anche volendo, non possiamo intervenire. È alla politica e agli amministratori che spetta questo compito, e a loro va il nostro appello, per la tutela e lo sviluppo, sostenibile del territorio e della comunità”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!