Al Trasimeno la prima scuola di lingua per stranieri - Tuttoggi

Al Trasimeno la prima scuola di lingua per stranieri

Redazione

Al Trasimeno la prima scuola di lingua per stranieri

"Trasimeno Italian Speak" parte da Castiglione e Paciano
Gio, 20/02/2020 - 16:58

Condividi su:


Al Trasimeno la prima scuola di lingua per stranieri

Presentata a Castiglione del Lago “Trasimeno Italian Speak”, la prima scuola intercomunale di italiano per stranieri nel Trasimeno.

Organizzato dall’associazione Speaking Books, “Trasimeno Italian Speak” è un progetto per la promozione delle lingue e del territorio ed è stato
presentato nella Settimana Unesco della Lingua Madre.

Alla conferenza stampa sono intervenuti Matteo Burico, sindaco di Castiglione del Lago; Riccardo Bardelli, sindaco di Paciano; Claudia Stella Rodriguez, presidente di Speaking Books; Elena Costantina Bianco, responsabile amministrativa di Spekaing Books; Oriana Ferraguzzi, responsabile per la didattica dell’italiano di Speaking Books ed ex presidente della Società Dante Alighieri Pietermaritzburg.

Burico: “Progetto di lungo termine”

È un progetto con radici profonde e prospettive a lungo termine – ha
dichiarato Matteo Burico –. L’elemento intercomunale è particolarmente
importante per la valorizzazione del territorio, soprattutto nella
prospettiva di impegnarci affinché l’Unione dei Comuni del Trasimeno
diventi un’unione d’intenti, un’unione culturale
“.

L’auspicio di Bardelli: “Anche in altri territori”

Plauso anche dal Comune di Paciano: “Nel nostro paese, il 17% degli abitanti non proviene dall’Italia, ma sono cittadini molto integrati – ha spiegato Riccardo Bardelli –. Speriamo che il progetto ‘Trasimeno Italian Speak’ rappresenti un primo passo per mettere in atto questa strategia anche in altri territori“.

Il progetto nel dettaglio

Il progetto prevede l’apertura di un centro linguistico che, oltre alla
fondamentale attività della promozione della lingua italiana,
contribuisca alla crescita dell’affluenza turistica e dell’economia
locale. Oltre a erogare corsi di lingua, infatti, la scuola si propone
di organizzare per gli studenti esperienze e iniziative legate alle
tradizioni e alle attività locali. Tra le attività in cantiere, visite
nei luoghi di interesse storico-artistico, corsi di teatro, tradizioni
locali (viticoltura, apicoltura, produzione olearia e dello zafferano),
laboratori, corsi di vela, kite-surf, trekking, escursioni.

Fondata nel 2015, l’associazione Speaking Books ha l’obiettivo di
elaborare e promuovere progetti culturali nella zona del Trasimeno e in
alcuni comuni toscani limitrofi, attraverso la promozione della lettura,
di progetti inclusivi, del commercio equo.


Condividi su:


Aggiungi un commento