"Al lavoro nei locali vip della Sardegna, attendo l'esito del tampone Covid"

“Al lavoro nei locali vip della Sardegna, ancora attendo l’esito del tampone Covid”

Massimo Sbardella

“Al lavoro nei locali vip della Sardegna, ancora attendo l’esito del tampone Covid”

Il racconto di un umbro di ritorno dall'isola e "l'impresa" per riuscire a fare il tampone. "Troppo lasciato alla responsabilità delle persone"
Gio, 27/08/2020 - 01:04

Condividi su:


“Al lavoro nei locali vip della Sardegna, ancora attendo l’esito del tampone Covid”

Pochi giorni fa era al lavoro in locali di zone molto conosciute della Sardegna, frequentate anche da vip. Ora attende a casa in Umbria l’esito del tampone per sapere se anche lui ha contratto il Covid.

Un umbro racconta la sua storia in questa estate del Covid. Dove il virus sembrava potesse finalmente lasciare spazio al divertimento e alla vita spensierata, dopo i mesi del lockdown.

E invece, pur senza raggiungere gli esiti drammatici di marzo e aprile, il Coronavirus resta un’insidia. Per la salute e per il lavoro. Soprattutto per chi lo sottovaluta e si comporta in modo irresponsabile.

Dal lavoro in Sardegna alla quarantena

Quella responsabilità che non è certo mancata all’umbro protagonista di questa storia. Anche se poi, regole non sempre chiare e soprattutto applicate in modo diverso in giro qua e là per l’Italia, lo hanno portato a vivere una situazione non certo piacevole.

Divertimento sull’isola

Nelle scorse settimane era al lavoro in alcuni locali della Sardegna. Un’isola dove il Coronavirus, nei mesi del lockdown, era transitato in modo marginale.

E malgrado la paura avesse tenuto lontano quest’anno tantissimi turisti, soprattutto stranieri, ad agosto l’isola si è comunque riempita. Soprattutto di giovani desiderosi di divertimento. E, soprattutto, nelle località più note.

I primi sintomi tra i colleghi

Poi – racconta – alcuni hanno iniziato ad avere sintomi di una strana influenza”. In vari locali delle zone più frequentate dai turisti. Ma, come accade, si pensa che possa trattarsi di normali raffreddori, magari dovuti agli sbalzi di temperatura, all’aria condizionata o cose del genere.

Poi in più zone della Sardegna sono stati fatti tamponi a campione. E in molti sono risultati positivi al Covid-19. In tanti locali, anche noti. “Non solo in quelli dove lavoravo io”, chiarisce.

I casi positivi che si moltiplicano. Le ordinanze restrittive, fino al provvedimento del Ministero con cui sono state chiuse le discoteche in tutta Italia.

Il rientro in Umbria

Io stavo già tornando in Umbria con la nave – prosegue il suo racconto – ma già ricevevo notizie di amici e conoscenti sottoposti a tampone risultato poi positivo“.

Inviti all’autoisolamento, scambio di informazioni tra amici e tra colleghi. Ma dalle autorità sanitarie dell’isola nessun segnale.

Le chiamate alla Asl

Prima di arrivare a casa in Umbria – racconta ancora – ho avvertito i miei conviventi affinché fosse trovata una soluzione per evitare di condividere le stesse aree dell’alloggio. Ed ho provato a mettermi in contatto con la Asl, più volte, per essere sottoposto a tampone. Ho anche provato a rivolgermi a cliniche private, ma mi è stato risposto che la normativa al momento consente loro di effettuare soltanto test sierologici. Dai quali, però, non hai certezza di non esserti infettato“.

Il tampone Covid

Finalmente dopo giorni riesce a spiegare alla Asl la propria condizione. Il fatto di aver lavorato insieme a persone risultate positive al Covid. Il timore, quindi, di essere stato contagiato e quindi a sua volta veicolo di contagio. Pur non presentando alcun sintomo.

Attraverso il medico di base – spiega – come mi era stato richiesto dalla Usl, sono iniziate le procedure per essere finalmente sottoposto a tampone. Hanno effettuato il tampone utilizzando moltissimi accorgimenti per proteggersi“.

Comunque in quarantena

Ora è in attesa dell’esito. Ma dovrà comunque restare in quarantena per due settimane dal momento del suo rientro in Sardegna. Perché ha comunicato di essere stato a contatto con persone poi risultate positive al Covid.

Chi è responsabile e chi fa comunque gli aperitivi

Certo – le sue considerazioni – sto perdendo diversi lavori in questi giorni. Ma la cosa che mi sconcerta è soprattutto il fatto che molto, troppo, è lasciato al senso di responsabilità delle singole persone. Nessuno ha controllato cosa abbia fatto io in questi giorni. Eppure ho anche ricevuto una mail dalla compagnia di navigazione in cui venivo avvertito che nella nave su cui ho viaggiato erano stati riscontrati casi Covid”.

Lui è ora costretto alla quarantena. Alla quale, comunque, ha deciso di sottoporsi volontariamente. Per tutelare la sua salute e soprattutto quella degli altri, a cominciare da familiari e amici. Ma ci sono tante persone, che erano in vacanza in Sardegna (e in altre località molto frequentate), che pur avvertendo anche alcuni sintomi influenzali danno la colpa magari all’aria condizionata e continuano ad andare in giro per l’Umbria e l’Italia, a fare tranquillamente gli aperitivi.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!