Agroalimentare in Umbria, la rotta per il rilancio

Agroalimentare in Umbria, la rotta per il rilancio

Riunito tavolo sull’agroalimentare, Marini: “Strategia e responsabilità condivisa per il potenziamento del settore”

share

“È necessaria una responsabilità condivisa delle istituzioni, delle associazioni imprenditoriali, delle organizzazioni sindacati per capire, al di là delle specifiche vicende che sono ognuna distinta e diversa, come  quelle della Perugina, Colussi ed ex Novelli che hanno trattazioni in tavoli a se stanti, se possiamo affrontare il tema della prospettiva industriale dell’agroalimentare umbro con una visione che guarda al futuro, che dia certezze al settore e risposte anche sul versante occupazionale”.

Lo ha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, aprendo l’incontro sull’agroalimentare che si è tenuto questo pomeriggio a Palazzo Donini ed a cui hanno partecipato organizzazioni sindacati, imprese e loro associazioni di rappresentanza. Presenti anche l’assessore regionale allo sviluppo economico Fabio Paparelli e l’assessore all’agricoltura Fernanda Cecchini.

 “Quella di oggi – ha aggiunto la presidente – è una riunione propedeutica per verificare la possibilità di individuare una rotta comune che ci consenta di affrontare le diverse problematiche del settore agroalimentare in una  prospettiva di sistema, mettendo a leva strumenti e risorse che ne possano sostenere lo sviluppo. Ed a questo tavolo – ha sottolineato – ci sono attori e protagonisti centrali per assumere una decisione di questo tipo. Il quadro che abbiamo oggi è di un settore con imprese che versano in difficoltà e con imprese che sono competitive. C’è dunque l’esigenza – ha proseguito Marini – di individuare e di mettere a disposizione ulteriori misure per l’innovazione, interventi per le infrastrutture, la logistica e per una maggiore penetrazione dei mercati, così come investimenti in ricerca ed innovazione e ciò per innestare un possibile volano di sviluppo che dia più importanti prospettive di crescita all’agroalimentare umbro. Si tratta – ha detto ancora la governatrice dell’Umbria – di individuare una rotta che deve coinvolgere tutti gli attori del sistema, anche per affrontare il tema sociale, legato all’occupazione, che è rilevante per la Regione e che non può riguardare esclusivamente le istituzioni e le organizzazioni sindacali. L’obiettivo è quindi quello di usare al meglio gli strumenti che abbiamo a disposizione cercando di individuarne di nuovi in una ottica regionale e non solo legate alle singole vertenze. Occorre lavorare insieme – ha concluso la presidente – per costruire una strategia comune che, sia a livello locale che sui tavoli nazionali, ci aiuti a gestire le criticità e allo stesso tempo che ci metta in condizione di operare investimenti strategici ridefinendo gli strumenti e le misure che abbiamo a disposizione, anche attuando una modalità di lavoro diversa da quella finora adottata”. 

Le parti sociali hanno condiviso la prospettiva indicata dalla presidente Marini dichiarando la propria disponibilità a compiere un percorso comune, fermo restando che le vertenze aperte dovranno trovare la gestione delle procedure secondo le modalità individuate nei tavoli nazionali già esistenti.   Al termine dell’incontro è stata affidato alla Direzione regionale allo sviluppo economico l’incarico di istituzionalizzare le modalità organiche di confronto ed integrazione.

share

Commenti

Stampa