Addestrava i cani con collari a scarica elettrica, denunciato cacciatore

Addestrava i cani con collari a scarica elettrica, denunciato cacciatore

Redazione

Addestrava i cani con collari a scarica elettrica, denunciato cacciatore

Mer, 24/03/2021 - 12:10

Condividi su:


Addestrava i cani con collari a scarica elettrica, denunciato cacciatore

Durante la perquisizione a casa del 70enne di Campello sul Clitunno sequestrati dai carabinieri del nucleo forestale 14 collari a scarica elettrica

Addestrava i suoi cani utilizzando dei collari a scarica elettrica. Per questo un cacciatore e allevatore 70enne è stato denunciato a piede libero.

Il settantenne è stato colto in flagranza di reato dai militari durante un controllo di caccia nella zona montana fra Campello sul Clitunno e Cerreto di Spoleto. Aveva il telecomando appeso al collo e pronto all’uso per attivare la scarica elettrica sul collare indossato dagli animali in modo da correggere eventuali comportamenti scorretti della muta.

Collari a scarica elettrica usati sui segugi durante la caccia

Secondo quanto riscontrato dai carabinieri forestali delle stazioni di Campello e di Cerreto, l’uomo -70enne campellino – usava appunto i collari a scarica elettrica sui propri cani, di razza segugio italiano, durante l’esercizio venatorio.

I militari hanno proceduto anche a perquisire la sua abitazione, dove sono stati rinvenuti e sequestrati 14 radiocollari (alcuni rotti), tutti di proprietà e nella disponibilità del cacciatore.

Collaborazione tra forestale e Usl

Per accertare le condizioni di salute di tutti i cani di proprietà del cacciatore e per le valutazioni sulle conseguenze fisiche e comportamentali da questi subite e dovute all’uso di scariche elettriche, i Carabinieri Forestali si sono avvalsi della collaborazione dei Servizi Veterinari della USL Umbria 2 di Spoleto e della consulenza di personale del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia, per gli aspetti rilevanti in materia di medicina comportamentale, etologia e benessere animale.

Rischia l’arresto o multa fino a 10mila euro

Il cacciatore è stato segnalato all’autorità giudiziaria competente per il reato previsto dall’art. 727 c.p. (detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze) punibile con la pena dell’arresto fino ad un anno o con l’ammenda fino a 10.000 euro in quanto l’uso del collare a impulsi elettrici concretizza una forma di addestramento fondata esclusivamente su uno stimolo doloroso tale da incidere sull’integrità psicofisica dell’animale. La condotta del cacciatore è infatti in palese contrasto con quanto previsto dalla Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia (recepita ormai da tempo dallo Stato Italiano) la quale all’art. 7 prevede che: “Nessun animale da compagnia deve essere addestrato con metodi che possono danneggiare la sua salute ed il suo benessere, in particolare costringendo l’animale ad oltrepassare le sue capacità o forza naturale, o utilizzando mezzi artificiali che causano ferite o dolori, sofferenze ed angosce inutili”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!