Escort, indagata folignate Letizia Filippi - foto esclusiva Berlusconi a villa Certosa, circondato da donne - Tuttoggi

Escort, indagata folignate Letizia Filippi – foto esclusiva Berlusconi a villa Certosa, circondato da donne

Redazione

Escort, indagata folignate Letizia Filippi – foto esclusiva Berlusconi a villa Certosa, circondato da donne

Ven, 16/09/2011 - 01:20

Condividi su:


Escort, indagata folignate Letizia Filippi – foto esclusiva Berlusconi a villa Certosa, circondato da donne

Sara Cipriani e Carlo Ceraso
Una accusa pesante come un macigno: sfruttamento della prostituzione. Fra gli 8 indagati dalla procura di Bari, che ha concluso le indagini sul caso delle escort reclutate da Giampi Tarantini, spicca il nome della folignate Letizia Filippi, 32 anni, ex finalista di Miss Italia nel 1994 ed ex fiamma di Ronaldo. Insieme a Sabina Began (l’Ape regina, com’è stata ribattezzata) e Francesca Lana avrebbe svolto un ruolo nel reclutare giovani ragazze da offrire a Tarantini che le avrebbe poi portate nelle residenze del premier Berlusconi. Stando ai lanci di agenzia, la Filippi avrebbe reclutato Maria Josefa De Brito Ramos affinchè si prostituisse con il Cavaliere e l’avrebbe invitata “a far partecipare altre ragazze all’incontro, impartendole disposizioni sul comportamento da tenere e l’abbigliamento da indossare”.
Sono almeno 30 le ragazze che Tarantini (indagato insieme al fratello Claudio e a Massimiliano Verdoscia, Totò Castellaneta e Pierluigi Faraone anche del reato di associazione a delinquere) portò nelle case del presidenze del consiglio. Buona parte di queste, secondo l’accusa, si prostituirono con Berlusconi. Fra di loro spunta un’altra umbra, già al centro dello scandalo ‘Ruby’, la ternana (originaria di Narni) Sara Tommasi, l’ex di un ltro calciatore famoso, Ronaldinho. Del lungo elenco fanno parte Maria Teresa De Nicolò, detta Terry (palazzo Grazioli), Carolina Marconi, Daniela Lungoci (villa San Martino), Francesca Lana, Hawa Kardiatau, Karen Buchanan (palazzo Grazioli), Camille Charao Cordeiro (Palazzo Grazioli), Barbara Montereale (villa Certosa), Sara Tommasi, Sebbar Fadoua (Palazzo Grazioli), Chiara Guicciardi (palazzo Grazioli), Vanessa di Meglio, Sonia Carpentone, Roberta Nigro (palazzo Grazioli), Maria Josefa De Brito Ramos (palazzo Grazioli), Grazia Capone (Arcore e villa San Martino), Luciana de Freitas Francioli (Arcore), Michaela Pribisova, Maria Ester Garcia Polanco (centro Messeguè di Melezzole), Mariasole Caci (Arcore), Ioana Visan, Barbara Guerra, Patrizia D'Addario (palazzo Grazioli), Sara Tommasi, Lucia Rossini (palazzo Grazioli). Ci sarebbe anche altre giovani non ancora identificate. Ma torniamo alla Filippi, la cui iscrizione nel registro degli indagati sta suscitando non poco clamore nella città natale dove aveva anche sfilato come Dama per alcune edizioni della Giostra della Quintana. L’inchiesta nei suoi confronti arriva come un fulmine a ciel sereno, dal momento che il suo nome era fin qui rimasto estraneo alle vicende legate al premier. Per la verità negli ultimi due anni era un po’ sparita dalle cronache rosa, tornando alla ribalta solo lo scorso agosto, per aver dato alla luce ad Ancona due gemelline, avute dalla relazione con un nobile con cui vive a Milano. Che fosse comunque vicina al presidente del consiglio è certo. Era ad esempio ad una delle feste che il Cavaliere aveva organizzato a ridosso di un ferragosto a Villa Certosa. Un evento che rimbalzò agli onori delle cronache per via della spettacolare colata lavica (un effetto speciale con tanto di fumi e lapilli) fatta uscire dal vulcano artificiale che il Cav si è fatto costruire all’interno della sua residenza in Sardegna: i vicini delle ville confinanti la Certosa, preoccupati per quello che ritenevano un vero e proprio incendio, allertarono i vigili del fuoco che accorsero inutilmente. A confermare la presenza della Filippi a quella festa è una fonte milanese che, pur chiedendo di mantenere l’anonimato, ha concesso a Tuttoggi.info, a conferma del suo racconto, uno scatto fatti con il telefonino all’interno della principesca residenza: anche se di pessima qualità, si riconosce il Presidente in giacca bianca circondato da alcune donne.
Certo è che c’è molto di Umbria nella vita del presidente: dalla Tommasi alla Filippi, dal maggiordomo di Palazzo Grazioli, lo spoletino Lorenzo Brunamonti, al centro benessere di Melezzole, dove Berlusconi ha soggiornato in un paio di occasioni.
Intanto la difesa del Cavaliere, guidata dall’avvocato Ghedini, respinge la versione della procura barese confermando che le feste contestate erano solo delle “serate conviviali. Berlusconi è totalmente estraneo e del tutto infondate appaiono le ricostruzioni delle serate, che erano soltanto riunioni conviviali, come più volte affermato dalle stesse protagoniste”.
© Riproduzione riservata
Le foto della Filippi sono tratte dai suoi profili facebook


Condividi su:


Aggiungi un commento