Errori sui positivi Covid, la Regione fa rivedere le liste dei contagiati

Errori sui positivi Covid, la Regione fa rivedere le liste dei contagiati

Redazione

Errori sui positivi Covid, la Regione fa rivedere le liste dei contagiati

Ven, 19/02/2021 - 17:19

Condividi su:


Errori sui positivi Covid, la Regione fa rivedere le liste dei contagiati

L'incarico affidato dal commissario D'Angelo al Coc di Todi, esempio anche per il tracciamento | Il caso dei positivi già deceduti

Covid, il ‘metodo Todi’ si allarga. Al Coc del Comune l’incarico, da parte del commissario per l’emergenza Covid, Massimo D’Angelo, di revisionare le liste di contagiati, guariti e deceduti in tutta l’Umbria.

I conteggi dei contagiati Covid

In un giorno e mezzo – comunica Mediacom043 – già cancellati 268 persone ancora censite come ‘attualmente positivi’, ma che in realtà erano guariti o, purtroppo, deceduti.

Un tema, quello del tempestivo aggiornamento delle banche dati (i numeri del portale della Regione sono quelli poi inviati per il report giornaliero nazionale) posto in diverse occasioni anche dai sindaci, soprattutto dei comuni più piccoli.

I disallineamenti con le banche dati delle Asl (quelle a cui hanno accesso i sindaci) sono per lo più legate ai diversi orari di aggiornamento. In alcuni casi, tuttavia, lo scostamento temporale supera le 24 ore. Ed è quello che sarebbe successo con il bollettino del 18 febbraio, che conteggia 15 decessi nelle 24 ore precedenti. In realtà, alcuni di questi pazienti Covid sarebbero deceduti nelle ore ancora precedenti. Il numero complessivo dei decessi, tuttavia, risulta confermato.

In altri casi i disallineamenti sono stati relativi a persone che hanno cambiato domicilio, ma che risultano ancora residenti nella precedente abitazione.

Tracciamento, il metodo Todi

Il metodo di tracciamento utilizzato a Todi, come spiegato in un’intervista di Giuseppe Castellini al vice sindaco generale Adriano Ruspolini, si basa sulla costituzione di un centro di ‘contact’ tracing’ all’interno del Centro operativo comunale (Coc), aperto 7 giorni su 7 e a orario continuato, in supporto alla Asl. ‘Un contact tracing’ realizzato grazie alla collaborazione Comune e un’associazione di volontariato, con il quale si è di molto potenziato il tracciamento, asciugando costantemente la platea dei potenziali contagiati, frenando non poco la diffusione del virus.

Tesei potenzia i Coc dei piccoli comuni

Intanto la presidente della Regione, Donatella Tesei, ha annunciato che verranno potenziati i Coc (Centri operativi comunali) nei comuni umbri sotto i 5mila abitanti, evidentemente nell’ottica di fornire, sull’esempio di Todi, un contributo ai tracciamenti anti-Covid.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!