Progetto "Home Care Premium", oltre 170mila euro per le famiglie - Tuttoggi

Progetto “Home Care Premium”, oltre 170mila euro per le famiglie

Redazione

Progetto “Home Care Premium”, oltre 170mila euro per le famiglie

L'assessore Ciubini comunica risultati dell'intervento "Intervento fondamentale per aiutare le persone a casa"
Lun, 30/11/2015 - 18:23

Condividi su:


Con il progetto Home Care Premium, al quale hanno aderito con grande convinzione tutti gli otto Comuni dell’Alta Valle del Tevere, grazie all’Inps abbiamo potuto aiutare con un sostegno economico e con servizi dedicati un numero molto alto di utenti, permettendo alle persone in difficoltà di restare nel proprio ambito familiare e ricevere un’assistenza adeguata alle proprie esigenze

L’assessore al Sociale Andreina Ciubini ha tracciato un bilancio positivo dell’attuazione del progetto “Home Care Premium 2014-2015” nella conferenza stampa di stamattina che ha presentato i risultati dell’intervento, promosso dall’Inps con un bando pubblico al quale, in coordinamento con l’Usl Umbria 1, hanno aderito i Comuni di Citerna, Città di Castello, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino e Umbertide (appartenenti all’Ambito Sociale n.1) e che ha avuto come soggetti attuatori l’associazione temporanea di impresa costituita dalla Cooperativa La Rondine di Città di Castello e dall’agenzia di lavoro interinale Umana Spa.

Grazie al progetto abbiamo potuto ampliare molto la platea delle famiglie alle quali dare supporto, perché disporre di risorse specifiche destinate alle esigenze di una parte della popolazione, ci ha permesso di liberare per altre famiglie residenti nel territorio i fondi pubblici di cui disponiamo come enti”, ha puntualizzato Ciubini, che ha annunciato la proroga del progetto per ulteriori 6 mesi, fino al 30 giugno 2016.

Con questo progetto l’ambito 1 ha dato un ulteriore esempio di cosa significhi lavorare bene in sinergia – ha osservato Rossella Cestini, responsabile del Servizio Sociale del Distretto Sanitario dell’Alta Valle del Tevere dell’Usl Umbria1 – riuscendo a intercettare risorse che altrimenti sarebbero state destinate altrove e investirle per allargare ulteriormente la possibilità di risposta ai bisogni del territorio”.

A dettagliare i dati dell’attività effettuata è stato il presidente della Cooperativa La Rondine Luciano Veschi, che ha sottolineato come “Home Care Premium sia stato un valore aggiunto per il territorio, sia come risposta in ambito sociale ai bisogni di numerose famiglie del comprensorio, sia come sostegno all’economia locale con le opportunità di lavoro offerte a persone e aziende”. Grande soddisfazione per l’esito del progetto e per la positiva sinergia creatasi tra i soggetti coinvolti è stata espressa dal responsabile di Umana Luigi Polesel, che ha dato conto di una capacità di intervento decisamente unica delle istituzioni altotiberine nel contesto umbro e nazionale.

In qualità di capofila, il Comune di Città di Castello ha coordinato l’attuazione del progetto “Home Care Premium 2014-2015”, che ha permesso l’erogazione di servizi di assistenza domiciliare a tutti i 64 nuclei familiari di dipendenti pubblici e pensionati pubblici, utenti della gestione Inps (Gestione Dipendenti Pubblici) e ai loro congiunti, parzialmente o totalmente non autosufficienti. Il progetto è infatti finanziato dal fondo dedicato dell’Inps nel quale ogni dipendente pubblico in servizio appartenente alla gestione ex Inpdap versa ogni mese una trattenuta pari allo 0,35% della propria busta paga. Per i 64 utenti che hanno beneficiato del progetto (50 anziani, 3 adulti e 11 minori) sono stati investiti complessivamente 173 mila 299,66 euro, con 28 famiglie che hanno avuto accesso a prestazioni prevalenti per un totale di 78.596,30 euro, cioè a un contributo economico finalizzato alla regolare assunzione di un assistente familiare, e prestazioni integrative (servizi professionali domiciliari e scolastici nel caso di minori, interventi di sollievo familiare, fornitura di ausili e tecnologia domotica a sostegno della disabilità, compartecipazione alla spesa in caso di degenza presso residenze sanitarie assistenziali o residenze protette) e 36 nuclei che hanno avuto accesso solo a prestazioni integrative.

Per le prestazioni integrative sono stati investiti in totale 94.703,36 euro, che hanno riguardato servizi per anziani (39 mila 580 euro) con l’impiego di 10 operatori socio sanitari; servizi per adulti (3.780 euro) e servizi per minori (28.615 euro) con l’impiego di 15 educatori professionali; servizi di sollievo familiare (2.016 euro) con l’impiego di 4 assistenti; l’integrazione della retta per residenze sanitarie assistenziali o residenze protette (4.512,36 euro); fornitura di 67 ausili (16.200 euro).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!