“TRILOGIA HOROVITZ” DEBUTTA A PERUGIA AL TEATRO BERTOLD BRECHT

“TRILOGIA HOROVITZ” DEBUTTA A PERUGIA AL TEATRO BERTOLD BRECHT


Dopo il notevole successo di critica e pubblico ottenuto a Spoleto, al Teatrino delle Sei, “TRILOGIA HOROVITZ”, la nuova produzione teatrale di Offucina Eclectic Arts e La MaMa Umbria International, arriva anche a Perugia, il 13 febbraio al Teatro Bertold Brecht.

Trilogia Horovitz presenta tre atti unici di straordinaria intensità, tradotti e messi in scena per la prima volta in Italia, sotto la direzione di tre registi di provenienze culturali e geografiche diverse, Luke Leonard (Stati Uniti), Hyunjung Lee (Corea) e Andrea Paciotto (Italia) ottenendo un risultato coinvolgente, toccante e visivamente suggestivo.

Il primo, The Indian wants the Bronx, è stato scritto nel 1968. Presentato in Italia nello stesso anno al Festival di Spoleto, con un cast d'eccezione di cui facevano parte, due giovanissimi e ancora poco conosciuti, Al Pacino, John Cazale e Mathew Cowles. Quell'edizione vinse tre Obie Awards: migliore testo, migliore attore protagonista (Pacino) e migliore attore non protagonista (Cazale). Il secondo, Beirut Rocks, e il terzo, Effetto Muro, fanno invece parte della produzione più recente, essendo rispettivamente stati scritti nel 2006 e 2009.

Il cast degli attori coinvolto è tutto italiano. Attori giovani, ma di grande esperienza e talento: Francesco Bolo Rossini, Giorgio Marchesi, versatili protagonisti di tutti e tre i testi, insieme a Simonetta Solder, Enrico Salimbeni e Nicole Sartirani. La traduzione è a cura di Andrea Paciotto con la supervisione del noto drammaturgo Edoardo Erba.

Il design della scenografia è affidata all'artista Paolo Liberati, le musiche originali e il sound design sono di Rolando Macrini, mentre la produzione esecutiva è curata da Adriana Garbagnati, i costumi e l'assistenza alla regia di Chiara Sabatini